• Analisi cliniche
  • Andrologia
  • Balbuzie
  • Cardiologia
  • Chirurgia.it
  • Dermatologia
  • Diabete
  • Ematologia
  • Endocrinologia
  • Farmacologia
  • Flebologia
  • Gastroenterologia
  • Genetica
  • Geriatria
  • Ginecologia
  • Gravidanza
  • Handicap
  • Malattie infettive
  • Malattie renali
  • Medicine naturali
  • Neurologia
  • Oculistica
  • Odontoiatria
  • Orecchie e gola
  • Ortopedia
  • Pediatria
  • Psichiatria
  • Psicologia
  • Sclerosi
  • Trapianti
  • Tumori
  • Urologia
  • Viaggi
  • ARTICOLI TROVATI : 250

    Risultati da 241 a 250 DI 250

    06/06/2016 12:43:00 Gli alimenti alleati del nostro cervello

    I 7 cibi che aiutano la memoria
    Ogni tanto perdete colpi e faticate a ricordare le cose? Niente paura, ci sono degli alimenti che possono aiutarvi a coltivare la vostra memoria. A elencarne i pregi è Elisabetta Menna, ricercatrice dell'Istituto clinico Humanitas di Rozzano e dell'Istituto di Neuroscienze del Cnr.
    «Uova, germe di grano, arachidi, merluzzo, semi di girasole, caffè e cioccolato fondente - spiega Menna - sono alcuni dei cibi più amici del cervello e della memoria perché ricchi di colina, un coenzima ... (Continua)

    27/05/2016 Combattere la “sindrome da minestrina”
    Anziani e depressione
    Oltre 3 milioni di persone anziane imprigionate nel male oscuro della depressione. Una cifra più che attendibile e che purtroppo è destinata a salire per il progressivo ed inesorabile invecchiamento della popolazione. E se non si può certo affermare che la vecchiaia stessa è una malattia, gli esperti sono concordi nel sostenere che l’allungamento delle aspettative di vita porterà a vecchiaie sempre più lunghe che diventeranno a tutti gli effetti un vero e proprio fattore di ... (Continua)
    27/05/2016 Le condizioni sociali influiscono sull’attività di un gene nell’amigdala

    La povertà modifica i geni
    I ricercatori della Duke university hanno provato che la miseria è associata alle malattie mentali, tra cui ansia, depressione e dipendenza. La povertà rende le persone più inclini a sviluppare ansia e depressione e consumare droghe non solo per motivi psicologici ma anche per colpa dei geni modificati. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Molecular Psychiatry e coordinato da Johnna Swartz.
    Inoltre hanno dimostrano che la povertà può arrivare a cambiare il Dna. Nei ragazzi cresciuti ... (Continua)

    24/05/2016 11:57:00 Diete a basso contenuto di grassi potrebbero essere negative

    Non tutti i grassi vengono per nuocere
    Bandire i grassi dalla propria alimentazione non è una grande idea. Lo ricordano i ricercatori del National Obesity Forum e del Public Health Collaboration, due istituzioni britanniche.
    «Sarebbe meglio - sostengono gli esperti - evitare di mangiare fuori dai pasti, perché è proprio quest'abitudine che fa ingrassare».
    I grassi, quindi, non andrebbero demonizzati perché, ricordano i medici inglesi, «mangiare grasso non significa sempre diventare grassi».
    «Mangiare formaggi, yogurt e ... (Continua)

    23/05/2016 16:36:00 Nesso fra le due patologie evidenziato da una nuova ricerca

    La depressione negli anziani è sinonimo di demenza
    Depressione e demenza sono due facce della stessa medaglia, almeno a una certa età. Lo sostiene uno studio pubblicato su The Lancet Psychiatry da un team dell'Erasmus
    University Medical Center di Rotterdam.
    All'analisi hanno preso parte 3.325 adulti di 55 anni e oltre con i sintomi della depressione ma senza segni di demenza all'inizio del follow up. I dati sono relativi al Rotterdam Study, un vasto trial prospettico che ha consentito ai ricercatori di verificare i sintomi depressivi per ... (Continua)

    17/05/2016 14:30:00 Gli ultimi studi confermano gli effetti antidepressivi
    Il botulino fa bene all’umore
    La tossina botulinica migliora l’umore e combatte la depressione. Accanto ai riconosciuti effetti di attenuazione delle rughe, quindi di ringiovanimento del volto, il botulino ha degli effetti anche sullo stato d’animo.
    Gli ultimi studi condotti da Michelle Magid, Brett H. Keeling e Jason S. Reichenberg della University of Texas Southwestern, pubblicati solo pochi mesi fa sull’autorevole Plastic and Reconstrucitve Surgery - la rivista dell’American Society of Plastic Surgeons -, hanno ... (Continua)
    04/05/2016 11:13:00 Consentono di affrontare meglio il dolore fisico

    Amici meglio della morfina
    Altro che morfina, ci vogliono gli amici per affrontare al meglio il dolore fisico. Lo rivela uno studio della Oxford University pubblicato su Scientific Reports. I pazienti circondati da tanti amici sono maggiormente in grado di reagire positivamente al dolore, e l'effetto che gli amici hanno è paragonabile a quello esercitato dalla morfina.
    Katerina Johnson, autrice della ricerca che lavora presso lo University's Department of Experimental Psychology, spiega: «Le endorfine fanno parte del ... (Continua)

    26/04/2016 11:00:00 L'arrivo della bella stagione accentua i timori sulla propria inadeguatezza

    Bikini blues, depressi per la propria forma fisica
    Le belle giornate e le temperature sopra la media fanno già immaginare i primi week end al mare o in campagna, dove metteremo da parte i pesanti abiti invernali. E proprio l’idea di iniziare a scoprirsi provoca in un italiano su 2, sentimenti contrastanti come euforia ma al tempo stesso ansia e insoddisfazione per la propria forma fisica.
    In altre parole sono vittime di quella che gli esperti hanno definito “bikini blues”, e proprio uno studio scientifico australiano condotto dalla dott.ssa ... (Continua)

    18/04/2016 14:54:00 La ricerca del fisico perfetto porta a privarsi di intere categorie di cibo

    Ortoressia, la nuova frontiera dei disturbi alimentari
    Non ci sono solo bulimia e anoressia fra le patologie che riguardano il rapporto con il cibo. A queste si aggiunge l'ortoressia, un disturbo che causa la progressiva rinuncia ad alimenti considerati poco salutari e comunque controproducenti nella ricerca dell'obiettivo ultimo, un fisico da sfoggiare.
    ''Alcune persone diventano malnutrite non perché limitati nelle scelte di cosa mangiare ma perché scelgono cosa mangiare. Non lo fanno perché vogliono dimagrire, lo fanno perché vogliono ... (Continua)

    18/04/2016 Chi vive nelle aree non urbanizzate vive di più

    Vivere nella natura allunga la vita
    Uno studio americano sottolinea l'allungamento della speranza di vita nei soggetti che vivono a contatto con la natura. Secondo i dati emersi dalla ricerca della T. H. Chan School of Public Health, le donne - sulle quali era concentrato lo studio - che vivono lontane dalle aree urbanizzate mostrerebbero un tasso di mortalità inferiore del 12 per cento rispetto alla media.
    A sostenere questo dato sono alcuni fattori come la migliore salute mentale, l'attività fisica più frequente e una minore ... (Continua)

      1|2|3|4|5|6|7|8|9|10|11| 12| 13| 14| 15| 16| 17| 18| 19| 20| 21| 22| 23| 24| 25

    Italia Salute Redazione TEL. 351.666.0911
    Via Albanese Ruffo 48, 00178 Roma
    Centro Medico Okmedicina.it Via Albanese Ruffo 40-46, 00178 Roma Mail redazione
    Copyright © 2000-2023 Okmedicina Riproduzione riservata anche parziale