Nuova cura per l'iperplasia prostatica benigna

Due farmaci meglio di uno contro l'iperplasia prostatica benigna (Ipb), l'ingrossamento della prostata che colpisce piu' di un ultra70enne su due e otto ultra80enni su dieci, con 6 milioni di diagnosi solo in Italia, e in aumento dell'80% dal 1991 ad oggi.
Lo studio Mtops, coordinato dai National institutes of health (Nih) statunitensi e condotto per cinque anni e mezzo su 3.047 uomini over 50 di 17 centri americani, ha infatti dimostrato che l'inibitore della 5 alfa-reduttasi finasteride e il bloccante alfa 1-adrenergico doxazosina danno risultati migliori se utilizzati in combinazione: la progressione della malattia rallenta (riduzione del volume prostatico pari al 79%) e la necessita' di intervento chirurgico si riduce nel 69% dei casi, si legge in una nota del gruppo farmaceutico Merck, Sharp & Dohme. ...  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords |

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it
ADD BOOKMARK

ai preferiti di salute

Abbonati ai Feed Rss Mailing List Di OKMEDICNA.IT, gli ultimi aggiornamenti 
              sulla salute e la medicina La Pubblicità su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante

Avvertenze Privacy a norma Regolamento UE 2016/679 GDPR.


Questa pagina è stata letta 53435 volte