Immagine
 Informazione medica libera per una salute senza condizionamenti... di Admin
Vogliamo creare uno strumento aperto a tutti che consenta a ognuno di noi, di qualunque estrazione sociale e grado d'istruzione, di qualunque tendenza politica e religiosa, di accedervi liberamente esprimendo le proprie considerazioni.

Di seguito i lemmi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di riccardo (del 26/11/2013 @ 16:14:50, in Lettera P, visto n. 723 volte)
Evacuazione, mediante puntura chirurgica, di cavità naturali dell'organismo invase da liquido o materiale purulento per cause patologiche. Si pratica sull'addome nei versamenti endoperitoneali di varia natura, sul pericardio (pericardiocentesi) nelle pericarditi essudative, sulla cornea a scopo decompressivo nel glaucoma, sul timpano per drenare la secrezione all'interno della cassa timpanica in caso di otite media catarrale trasudativa, sul torace (meglio detta toracentesi) nei casi di punture diagnostiche o evacuative della cavità pleurica in corso di patologie pleuro-polmonari (pleuriti, emotoraci, empiemi pleurici ecc.).
 
Di medicina (del 16/09/2007 @ 14:59:11, in Lettera P, visto n. 1644 volte)
Farmaci Acetamol, Efferalgan, Levadol, Paracetamolo, Puernol, Tachipirina Flashtab. Indicazioni Il paracetamolo viene utilizzato per la terapia sintomatica dei dolori e della febbre, in particolare per il trattamento di nevralgie, artralgie, cefalee, dolori muscolari, post traumatici e tendinei, dismenorrea, borsiti. Controindicazioni Controindicato nei casi di ipersensibilità individuale accertata verso il prodotto. Interazioni Può interagire con altri farmaci inducendo mono-amminossigenasi epatiche (cimetedina, rinfapicina, antiepilettici come carbamazepina, fenobarbital, glutimide), con gli anticoagulanti orali, con i test per l'uricemia (con il metodo dell'acido fosfotungstico), con i test per la glicemia (metodo della glucosio-ossidasi-perossidasi), con il cloramfenicolo.
 
Di riccardo (del 26/11/2013 @ 16:12:46, in Lettera P, visto n. 695 volte)
Alterazione dermatologica per cui le cellule dello strato corneo conservano il loro nucleo, mentre scompare lo strato granuloso: la pelle diventa così squamosa.
 
Di riccardo (del 26/11/2013 @ 16:14:11, in Lettera P, visto n. 673 volte)
Fenomeno per il quale si percepisce meglio la voce in ambiente rumoroso, piuttosto che silenzioso (paracusìa di Willis). Prende il nome di paracusìa disarmonica il fenomeno per il quale uno stesso suono è percepito nei due orecchi con diversa altezza.
 
Di riccardo (del 26/11/2013 @ 16:16:30, in Lettera P, visto n. 719 volte)
Farmaco liquido trasparente, incolore, inodore, oleoso, insolubile in acqua che agisce come lubrificante delle feci rendendole di consistenza molle. Deve essere usato con cautela nei pazienti anziani e nei bambini. È preferibile l'assunzione a stomaco vuoto, perché si ha un'efficacia più spiccata e lo svuotamento gastrico avviene più lentamente. Per migliorarne il sapore si può miscelare a spremute di frutta o a bicarbonato. Se usato per lungo tempo può determinare difficoltà di assorbimento vitaminico e diminuzione del tono dello sfintere anale.
 
Di dr.ssa Anna Carderi (del 26/11/2013 @ 16:18:12, in Lettera P, visto n. 1501 volte)
Pulsioni erotiche connotate da fantasie o impulsi intensi e ricorrenti, che implicano attività o situazioni specifiche che riguardino oggetti, che comportino sofferenza e/o umiliazione, o che siano rivolte verso minori e/o persone non consenzienti. Le parafilie possono essere classificate in base all'atto che sostituiscono o all'oggetto verso cui si indirizzano. Una ulteriore suddivisione riguarda il canale sensoriale che viene sollecitato. Nella parte dell'atto vi è una sostituzione del coito o dell'attività sessuale, con pratiche di altro tipo. Nella parte d'oggetto vi è una surrogazione dell'oggetto normativo o uno spostamento della meta: l'oggetto normativo è costituito dal partner sessuale (eterosessuale o omosessuale). la meta è rappresentata dal raggiungimento del piacere sessuale (orgasmo). I canali sensoriali implicati nelle parafilie: canale visivo, l'eccitazione sessuale viene ricercata nell'esibizione del corpo o parti di esso (esibizionismo), nell'osservazione di altri soggetti impegnati in attività sessuali (voyeurismo, mixoscopia) o di funzioni corporee fisiologiche (coprofilia, urofilia); canale acustico/verbale, l'eccitazione è ottenuta mediante la pratica del turpiloquio, l'ascolto o il pronunciamento di parole scurrili o volgari attinenti alla sessualità (scatologia telefonica, coprolalia, pornolalia, mixacusi); canale olfattivo, esistono collegamenti neurofisiologici tra l'organo vomero-nasale e determinate aree del cervello, quali il sistema limbico (emozionale) e il nucleo BNST (nucleo della stria terminale); l'eccitazione sessuale è data dalla percezione di odori, anche sgradevoli, come l'urina, le feci, le flatulenze (flatulofilia), il sudore (ospressiofilia), ciò può essere connesso ai feromoni escreti con queste sostanze; canale gustativo, l'eccitazione sessuale è perseguita tramite l'ingestione/irrorazione di escrezioni corporee (coprofagia, spermatofagia, pissing); canale tattile, il piacere sessuale è dato dalla pratica di attività corporee inusuali: stuffing (penetrazione con oggetti), percossofilia, spanking (sculacciare con violenza), clismafilia (pratica del clistere), nasofilia, rinolagnia, uretrolagnia (stimolazione di parti del corpo non classicamente erogene, come le narici o l'uretra). Clinicamente sono riconosciute otto maggiori forme di parafilia. Secondo l'ultima edizione del DSM-IV, per essere considerata effettivamente come patologia, tale condizione deve ricorrere per almeno sei mesi e devono manifestarsi come la forma di sessualità esclusiva o prevalente del soggetto, interferendo in modo rilevante con la sua normale vita di relazione e causandone un disagio clinicamente significativo. Ovviamente tali pulsioni parafiliche possono interessare persone di entrambi i sessi. Esibizionismo: il bisogno o il comportamento che porta all'esposizione dei propri genitali ad una persona ignara; Feticismo: l'uso esclusivo di oggetti non direttamente attinenti alla sessualità (es. scarpe, indumenti) o parti del corpo di una persona, al fine di innescare o aumentare l'eccitamento sessuale; Frotteurismo: il bisogno o il comportamento che porta a toccare o palpeggiare il corpo di una persona non consenziente; Pedofilia: l'attrazione sessuale per bambini in età infantile e prossimi a quella prepuberale; Masochismo: bisogno o comportamento sessualmente eccitante ricercato nel voler essere umiliati, provare dolore o soffrire in altri modi; Sadismo: bisogno o comportamento sessualmente eccitante nel produrre dolore o umiliazione della vittima; Feticismo di travestimento: eccitazione e/o piacere sessuale nell'indossare abiti del sesso opposto; Voyeurismo o scopofilia (più raro scoptofilia): il bisogno o il comportamento che porta a spiare persone ignare mentre sono nude, in intimo o impegnate in attività/rapporti sessuali; Altre forme meno comuni sono raggruppate sotto la dizione Disordini Sessuali o Parafilia Non Altrimenti Specificata. Infine si tende a differenziare le cosiddette perversioni soft, che rientrano tra le pratiche sessuali alternative, da quelle hard più strettamente correlate con un quadro patologico con diagnosi di parafilia.
 
Di dr.ssa Anna Carderi (del 26/11/2013 @ 16:36:25, in Lettera P, visto n. 1449 volte)
Situazione patologica caratterizzata dall'improvviso strozzamento del prepuzio sul glande, in caso di fimosi. Provoca violento dolore e va immediatamente trattata mediante tentativo di riduzione o, in caso d'insuccesso, chirurgicamente. La causa principale è la presenza di fimosi, ovvero di un prepuzio che non arretra normalmente a livello del solco scoprendo il glande. Le cause principali di questa seconda condizione sono spesso correlate alla scarsa igiene della persona, diabete mellito, infezioni recidive. Il quadro di parafimosi si sviluppa più frequentemente in seguito ad un evento traumatico. Bisognerebbe subito ridurre la parafimosi strigendo manualmente il glande per diversi minuti (anche 10), se non si ha successo occorre utilizzare la cosiddetta tecnica di Dundee, che prevede la ripetizione dell'operazione dopo aver cercato di sgonfiare l'edema usando un piccolissimo ago[2] oppure si ricorre ad una retrazione manuale da parte dell' urologo facendo fuoriuscire il liquido accumolatosi nell'edema. Può essere conseguenza di manipolazioni autoerotiche o di un coito o di erezioni notturne.
 
Cerca per parola chiave
 



Titolo
Lettera A (360)
Lettera B (241)
Lettera C (506)
Lettera D (255)
Lettera E (440)
Lettera F (170)
Lettera G (180)
Lettera H (56)
Lettera I (187)
Lettera J (5)
Lettera K (30)
Lettera L (399)
Lettera M (1056)
Lettera N (283)
Lettera O (348)
Lettera P (347)
Lettera Q (51)
Lettera R (339)
Lettera S (246)
Lettera T (314)
Lettera U (92)
Lettera V (43)
Lettera W (28)
Lettera X (15)
Lettera Y (2)
Lettera Z (28)

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
x monica se hai face...
07/03/2011 @ 14:51:33
Di filocell
X FILOCELL se clicci...
07/03/2011 @ 14:42:31
Di monica
x monica il messaggi...
07/03/2011 @ 13:25:51
Di filocell


< ottobre 2021 >
L
M
M
G
V
S
D
    
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
             

Titolo
Enciclopedia (1)

Le fotografie più cliccate