Immagine
 Informazione medica libera per una salute senza condizionamenti... di Admin
Vogliamo creare uno strumento aperto a tutti che consenta a ognuno di noi, di qualunque estrazione sociale e grado d'istruzione, di qualunque tendenza politica e religiosa, di accedervi liberamente esprimendo le proprie considerazioni.

Di seguito i lemmi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di E.F. (del 22/03/2013 @ 11:41:41, in Lettera L, visto n. 795 volte)
Conosciuto anche come crioessiccamento è un processo che permette l'eliminazione dell'acqua da una sostanza organica riducendo al minimo il deterioramento della struttura e dei componenti della sostanza stessa. Viene utilizzata principalmente nell'industria farmaceutica e secondariamente per la conservazione degli alimenti. Il metodo comprende fondamentalmente due trasformazioni fisiche: la surgelazione del materiale da essiccare e la sublimazione della parte liquida congelata. I vantaggi di questa tecnica sono la conservazione a temperatura ambiente, la facilità di trasporto dovuta alla leggerezza, le minime modifiche strutturali, la rapida e completa reidratabilità, il rispetto dell'odore, sapore, colore e dei nutrienti. L'unico svantaggio è il costo particolarmente elevato.
 
Di Dr.ssa Maglioni (del 18/01/2011 @ 14:34:54, in Lettera L, visto n. 959 volte)
E' un acido grasso polinsaturo presente sotto forma di linoleina negli oli di soia, di girasole e di lino.
 
Di E.F. (del 22/03/2013 @ 11:26:15, in Lettera L, visto n. 2502 volte)
Conosciuta anche come linite plastica gastrica (LP gastrica) è un adenocarcinoma gastrico infiltrante, diffuso e maligno. I segni e i sintomi non sono specifici: sazietà, nausea e vomito, dolore epigastrico e perdita di peso. I pazienti possono presentare disfagia progressiva. La linite plastica è caratterizzata dalla proliferazione ghiandolare maligna di cellule ad 'anello con castone' nello stroma fibroso, causa di un notevole incremento di tessuto connettivo, con deformazione di tutta la cavità gastrica o di parte di essa ("stomaco a borsa di cuoio" e "stomaco a clessidra"). Le localizzazioni più comuni della linite plastica gastrica sono l'antro e il piloro. Rispetto ad gli altri carcinomi gastrici, la Linite plastica si diffonde spesso nel peritoneo e nell'apparato linfatico. E' diffusa in particolare nelle popolazioni di origine Asiatica (Corea, Cina, Taiwan e Giappone), sebbene stia diventando sempre più frequente in Europa. Le femmine sono lievemente più colpite rispetto ai maschi.
 
Di E.F. (del 22/03/2013 @ 11:19:04, in Lettera L, visto n. 808 volte)
Preparazione farmaceutica di consistenza liquida o semiliquida utilizzata per uso esterno. Viene preparata con eccipienti grassi e contenenti sostanze medicamentose con proprietà analgesiche, rubefacenti, emollienti o stimolanti. Viene applicata per frizione sulla zona dolente per lenire il dolore prodotto da contusioni e da traumi muscolari, o per curare infiammazioni di origine traumatica.
 
Di riccardo (del 24/09/2013 @ 15:38:27, in Lettera L, visto n. 778 volte)
Porzione antero-inferiore del lobo superiore del polmone sinistro; si tratta di una piccola sporgenza che ricopre l'apice del cuore. Può essere considerata omologa del lobo medio del polmone destro che a sinistra manca.
 
Di Dr.ssa Maglioni (del 18/01/2011 @ 14:33:47, in Lettera L, visto n. 1051 volte)
Termine anatomico generico usato per indicare alcune formazioni o appendici strette e lunghe, simili ad una piccola lingua, presenti in alcuni organi o strutture del corpo (per. es. lingula del cervelletto).
 
Di E.F. (del 22/03/2013 @ 11:11:13, in Lettera L, visto n. 1139 volte)
Origina dal tronco posteriore del nervo mandibolare del trigemino. E' formato da fibre nervose che raggiungono le ghiandole sottomascellari e sottolinguali, parte del pavimento della bocca e la lingua, dando la sensibilità gustativa ai due terzi anteriori di quest'ultima. La lesione del nervo linguale può verificarsi durante l’intervento di asportazione del dente del giudizio o per altri interventi chirurgici del cavo orale: ne consegue perdita della sensibilità gustativa, tattile e dolorifica della lingua. Più raramente la sintomatologia è dolorosa. La lesione del nervo linguale porta il paziente a non masticare dal lato leso poiché il cibo non viene avvertito dalla lingua che non lo distribuisce tra le arcate dentarie. La lingua, quindi, insensibile, viene spesso masticata inavvertitamente. Il rimedio consiste in un intervento di microchirugia ricostruttiva del nervo.
 
Cerca per parola chiave
 



Titolo
Lettera A (360)
Lettera B (241)
Lettera C (506)
Lettera D (256)
Lettera E (440)
Lettera F (170)
Lettera G (180)
Lettera H (56)
Lettera I (188)
Lettera J (5)
Lettera K (30)
Lettera L (399)
Lettera M (1056)
Lettera N (283)
Lettera O (348)
Lettera P (347)
Lettera Q (51)
Lettera R (339)
Lettera S (246)
Lettera T (314)
Lettera U (92)
Lettera V (43)
Lettera W (28)
Lettera X (15)
Lettera Y (2)
Lettera Z (28)

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
x monica se hai face...
07/03/2011 @ 14:51:33
Di filocell
X FILOCELL se clicci...
07/03/2011 @ 14:42:31
Di monica
x monica il messaggi...
07/03/2011 @ 13:25:51
Di filocell


< ottobre 2022 >
L
M
M
G
V
S
D
     
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
           

Titolo
Enciclopedia (1)

Le fotografie più cliccate