Immagine
 Informazione medica libera per una salute senza condizionamenti... di Admin
Vogliamo creare uno strumento aperto a tutti che consenta a ognuno di noi, di qualunque estrazione sociale e grado d'istruzione, di qualunque tendenza politica e religiosa, di accedervi liberamente esprimendo le proprie considerazioni.

Di seguito i lemmi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Viola Sinismagli (del 23/03/2011 @ 16:31:42, in Lettera F, visto n. 1045 volte)
Primo studio condotto su una vasta popolazione e che per la prima volta mette in relazione fattori di rischio con gli eventi cardiovascolari.
 
Di Viola Sinismagli (del 28/03/2011 @ 17:17:11, in Lettera F, visto n. 1043 volte)
Malattia infettiva tropicale, provocata da un batterio spirocheta, il Treponema pertenue, che viene trasmessa per contatto diretto tra il soggetto ammalato e quello sano o per mezzo di vettori (mosche). La framboesia è così chiamata perché caratterizzata dalla comparsa di lesioni cutanee nodulari che paiono simili a lamponi. Essa ha analogie con la sifilide in quanto la sua evoluzione consta di tre fasi distinte. Dapprima si ha lo sviluppo di una lesione cutanea nel punto di inoculazione del germe. Questa ha il carattere di una papula che poi si ulcera, ed è di solito localizzata alle parti scoperte degli arti o sul volto. La lesione primitiva è seguita poi da lesioni secondarie in altre aree della pelle: esse tendono a scomparire completamente, e dopo un periodo di molti anni in cui la malattia rimane silente si sviluppano lesioni nodulari simili a quelle della sifilide terziaria. L'accertamento diagnostico si effettua con esame microscopico in campo oscuro per l'identificazione dell'agente nell'essudato. La terapia consiste di antibiotici, in particolare penicillina.
 
Di medicina (del 17/09/2007 @ 21:06:05, in Lettera F, visto n. 7496 volte)
I fosfolipidi sono molecole organiche appartenenti alla classe dei lipidi idrolizzabili, che comprende tutti i lipidi caratterizzati da almeno un acido grasso nella loro struttura. Negli alimenti i fosfolipidi sono poco abbondanti e rappresentano circa il 2% dei lipidi totali, tuttavia possono essere sintetizzati dalle varie cellule dell'organismo; essi hanno un ruolo sia energetico che strutturale, con prevalenza di quest'ultimo. ifosfolipidi sono importanti anche nei processi di coagulazione del sangue, nella risposta infiammatoria, nella costituzione della mielina e della bile prodotta dal fegato (evitano che il colesterolo precipiti in cristalli, prevenendo la formazione di calcoli); proprio quest'organo è la principale struttura corporea deputata alla sintesi di fosfolipidi, che sono comunque sintetizzabili - sia pur con velocità differenti - da tutti i tessuti. Dal punto di vista tecnico, i fosfolipidi sono in grado di tenere insieme due sostanze, come i Grassi e l'acqua, normalmente non mescolabili. Questa proprietà, detta emulsionante, viene sfruttata in diversi settori industriali, che vanno dall'impiego alimentare (per la produzione di creme, salse, gelati ecc.) a quello cosmetico e salutistico.
 
Di medicina (del 17/09/2007 @ 21:08:14, in Lettera F, visto n. 9433 volte)
La fosfatidilserina è un fosfolipide in grado di attenuare i livelli di cortisolo e consentendo quindi una maggiore ipertrofia muscolare. Per questa ragione, ha attratto l'interesse dei culturisti e di chi intende aumentare la propria forza e capacità muscolare. La fosfatidilserina è famosa però anche perché migliora le capacità mnemoniche e cognitive. A conferma di ciò, la presenza della fosfatidilserina nell'organismo si concentra soprattutto nelle cellule cerebrali. L'effetto più ricercato rimane però quello che la sostanza produce sullo sforzo fisico. Alcuni studi hanno dimostrato che la fosfatidilserina riduce la sensazione di fatica, contribuisce a mantenere alti i livelli di testosterone durante l'allenamento e riduce il livello di cortisolo nel sangue del 20 per cento.
 
Di dermatologia (del 03/08/2010 @ 03:12:03, in Lettera F, visto n. 946 volte)
Con il termine forfora si indica una desquamazione acuta o cronica del cuoio capelluto. La forfora grassa è tipica della dermatite seborroica e può predisporre alla tendenza androgenetica. La forfora secca possiamo invece riscontrarla invece in numerose malattie dermatologiche, come la psoriasi, l'ittiosi e la dermatite da contatto. La terapia della forfora prevede l'uso di rimedi seboregolatori diversi, a seconda del tipo di forfora e di eventuali altri sintomi associati (es. seborrea, prurito, rossore, etc).
 
Di Viola Sinismagli (del 22/03/2011 @ 18:00:51, in Lettera F, visto n. 797 volte)
Ramo della medicina che studia la fonazione e il trattamento dei suoi disturbi.
 
Di dr.psico (del 24/08/2007 @ 23:12:33, in Lettera F, visto n. 2961 volte)
Strutture presenti nelle ovaie in numero variabile da cui si libera l'ovulo durante la fase dell'ovulazione. Forma, dimensioni e struttura dei follìcolo ovàrico mutano nelle diverse fasi dello sviluppo corporeo e, dopo la pubertà, a seconda della fase del ciclo mestruale.
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25
Cerca per parola chiave
 



Titolo
Lettera A (360)
Lettera B (241)
Lettera C (506)
Lettera D (255)
Lettera E (440)
Lettera F (170)
Lettera G (180)
Lettera H (56)
Lettera I (187)
Lettera J (5)
Lettera K (30)
Lettera L (399)
Lettera M (1056)
Lettera N (283)
Lettera O (348)
Lettera P (347)
Lettera Q (51)
Lettera R (339)
Lettera S (246)
Lettera T (314)
Lettera U (92)
Lettera V (43)
Lettera W (28)
Lettera X (15)
Lettera Y (2)
Lettera Z (28)

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
x monica se hai face...
07/03/2011 @ 14:51:33
Di filocell
X FILOCELL se clicci...
07/03/2011 @ 14:42:31
Di monica
x monica il messaggi...
07/03/2011 @ 13:25:51
Di filocell


< gennaio 2022 >
L
M
M
G
V
S
D
     
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
           

Titolo
Enciclopedia (1)

Le fotografie più cliccate