Immagine
 Informazione medica libera per una salute senza condizionamenti... di Admin
Vogliamo creare uno strumento aperto a tutti che consenta a ognuno di noi, di qualunque estrazione sociale e grado d'istruzione, di qualunque tendenza politica e religiosa, di accedervi liberamente esprimendo le proprie considerazioni.

Di seguito i lemmi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Viola Sinismagli (del 15/03/2011 @ 17:50:20, in Lettera F, visto n. 1717 volte)
La sostanza di natura glicidica, non digeribile, presente negli alimenti di origine vegetale. Questo termine comprende diverse sostanze: cellulosa, emicellulosa, pectina, gomme, lignina, mucillaggini. L'apporto di fibre è importante per la nostra alimentazione in quanto esse permettono un corretto transito intestinale, grazie al loro effetto meccanico, attirano acqua nel lume intestinale favorendo l’aumento della massa fecale e trattengono e riducono l'assorbimento di altre sostanze come il colesterolo. La quantità consigliata di fibre alimentari è di circa 15 grammi al giorno, in tal modo si ha formazione di feci facilmente evacuabili. Inoltre un loro consumo regolare è stato associato ad una ridotta probabilità di insorgenza di alcune malattie come emorroidi, stitichezza, calcolosi biliare, cancro al colon e al retto.
 
Di Viola Sinismagli (del 15/03/2011 @ 17:40:49, in Lettera F, visto n. 1148 volte)
Tecnica diagnostica che consente la visualizzazione del feto e l'eventuale rilevazione di malformazioni. Consiste nell'introduzione di uno strumento, munito di fibre ottiche, nella cavità amniotica. Si effettua sotto guida ecografica alla diciottesima settimana di gravidanza. È un indagine rischiosa per il feto, il rischio di aborto è circa del 5-6%, per questo motivo la tecnica è stata ormai abbandonata.
 
Di Viola Sinismagli (del 15/03/2011 @ 17:37:23, in Lettera F, visto n. 955 volte)
Condizione patologica di un feto all'interno dell'utero, durante la gravidanza. Di solito si tratta di anomalie dello sviluppo che possono avere le più svariate cause; da infezioni, infiammazioni, traumi, esposizioni a sostanze tossiche, ecc. La gravità di una fetopatia può essere molto variabile.
 
Di Viola Sinismagli (del 15/03/2011 @ 17:28:18, in Lettera F, visto n. 786 volte)
L'embrione a partire dalla nona settimana dopo il concepimento fino al momento del parto. Il periodo fetale è caratterizzato essenzialmente da processi di accrescimento rapido del corpo, e dalla maturazione dei diversi tessuti ed organi che si sono differenziati durante il periodo embrionale.
 
Di medicina (del 16/09/2007 @ 14:13:21, in Lettera F, visto n. 1185 volte)
Farmaci Ferrograd. Indicazioni Terapia marziale degli stati di carenza di ferro assoluta o relativa, anemie sideropeniche latenti e conclamate dell'infanzia e dell'età adulta dovute a insufficiente apporto o assorbimento di ferro (accrescimento e stato di garvidanza). Anemie secondarie a emorragie acute o croniche o a malattie infettive parassitarie. Controindicazioni Controindicato nei casi di emosiderosi, emocromatosi, anemie emolitiche e allergie da ferro. Interazioni Sono note le interazioni con tetracicline, antiacidi, acido ascorbico e cloramfenicolo
 
Di medicina (del 16/09/2007 @ 14:11:57, in Lettera F, visto n. 3058 volte)
Farmaci Auxofer, Bioferal, Bioglufer, Blizer, Blustark, Crom, Cromantonferro, Emoxiron, Eriglobin, Eritropiù, Ferig, Ferro Gluconato, Ferro Complex, Ferrogyn, Flexifer, Glucoferro, Gluconato Ferroso, Losferron, Megafer, Monoferro, Prontoferro, Sidervim, Sustemial. Indicazioni In tutti gli stati di carenza di ferro assoluta o relativa, anemie sideropeniche latenti e conclamate dell'infanzia e dell'età adulta dovute a insufficiente apporto o assorbimento di ferro. Anemie secondarie a emorragie acute o croniche o a malattie infettive parassitarie, gravidanza e allattamento. Controindicazioni Controindicato in caso di ipersensibilità accertata verso il prodotto, in presenza di emosiderosi, emocromatosi, anemia emolitica, pancreatite cronica e cirrosi epatica. Interazioni Sono note le interazioni con tetracicline, antiacidi, acido ascorbico e cloramfenicolo.
 
Di Viola Sinismagli (del 15/03/2011 @ 17:20:35, in Lettera F, visto n. 886 volte)
Varie specie batteriche che producono acido lattico come metabolita intermedio nella fermentazione dei carboidrati. Risiedono nelle cavità organiche come l'intestino o la vagina e compongono parte della normale flora batterica. Sono fondamentali nella difesa dell’organismo nei confronti di infezioni da batteri patogeni. Vengono somministrati (generalmente per via orale) quando il loro numero viene ridotto a causa di infezioni, gastroenteriti o uso prolungato di antibiotici.
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25
Cerca per parola chiave
 



Titolo
Lettera A (360)
Lettera B (241)
Lettera C (506)
Lettera D (255)
Lettera E (440)
Lettera F (170)
Lettera G (180)
Lettera H (56)
Lettera I (187)
Lettera J (5)
Lettera K (30)
Lettera L (399)
Lettera M (1056)
Lettera N (283)
Lettera O (348)
Lettera P (347)
Lettera Q (51)
Lettera R (339)
Lettera S (246)
Lettera T (314)
Lettera U (92)
Lettera V (43)
Lettera W (28)
Lettera X (15)
Lettera Y (2)
Lettera Z (28)

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
x monica se hai face...
07/03/2011 @ 14:51:33
Di filocell
X FILOCELL se clicci...
07/03/2011 @ 14:42:31
Di monica
x monica il messaggi...
07/03/2011 @ 13:25:51
Di filocell


< gennaio 2022 >
L
M
M
G
V
S
D
     
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
           

Titolo
Enciclopedia (1)

Le fotografie più cliccate