Immagine
 Informazione medica libera per una salute senza condizionamenti... di Admin
Vogliamo creare uno strumento aperto a tutti che consenta a ognuno di noi, di qualunque estrazione sociale e grado d'istruzione, di qualunque tendenza politica e religiosa, di accedervi liberamente esprimendo le proprie considerazioni.

Di seguito i lemmi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di riccardo (del 17/03/2014 @ 16:08:20, in Lettera E, visto n. 763 volte)
Tipo di globulo bianco di 10-15 µm di diametro che presenta un nucleo bilobato e un citoplasma provvisto di numerosi granuli, colorabili con un colorante acido, l'eosina. I granulociti eosinòfili nascono nel midollo e la loro vita media dura poche ore nel sangue circolante, e alcuni giorni nei tessuti. La produzione midollare dei granulociti eosinòfili e il loro rilascio vengono regolati da fattori che stimolano la formazione di colonie, specifici per gli eosinofili (E-CSF), e anche da prodotti del metabolismo di alcuni parassiti pluricellulari. I granulociti eosinòfili sono essenzialmente situati nei tessuti: infatti per ogni granulocito eosinòfilo presente in circolo ne esistono centinaia nei tessuti, in particolar modo nel tratto gastrointestinale, nella cute e nel parenchima polmonare. I granuli dei granulociti eosinòfili possiedono al loro interno numerosi enzimi che esercitano un'intensa attività antibatterica, nonché di inibizione delle reazioni allergiche e dell'attività del complemento. L'attività dei granulociti eosinòfili è efficace soprattutto nella difesa dai parassiti pluricellulari, in particolare dai vermi. I granulociti eosinòfili costituiscono soltanto una piccola percentuale dei globuli bianchi nel sangue circolante (1-5%).
 
Di riccardo (del 17/03/2014 @ 16:16:21, in Lettera E, visto n. 884 volte)
Polisaccaride presente sulla membrana delle cellule endoteliali, che possiede azione anticoagulante. Collabora all'azione antitrombotica dell'antitrombina III.
 
Di riccardo (del 17/03/2014 @ 16:20:38, in Lettera E, visto n. 825 volte)
Farmaco anticoagulante. Possiede un'azione molto rapida: in 10 minuti riesce a bloccare il fattore X di coagulazione e la trombina. Viene somministrata per la prevenzione di trombosi profonda degli arti inferiori, embolia polmonare, fibrillazione atriale, e per prevenire la coagulazione del sangue sulle superfici artificiali in caso di circolazione extracorporea e di emodialisi. L'esistenza di un antidoto, il solfato di protamina, consente di bloccare in 15 minuti l'eparina somministrata. L'iniezione intramuscolare dà origine facilmente a ematomi, perciò viene somministrata nella sua forma salina per via sottocutanea (eparina calcica) o endovenosa (eparina sodica). Non sono frequenti le reazioni di ipersensibilità. Nel corso del trattamento possono verificarsi trombocitopenie e produzione di anticorpi anti-eparina. La somministrazione è controindicata in caso di emorragia in atto, minaccia di aborto, ipertensione arteriosa grave, epatopatie, lesioni del tratto gastroenterico. La produzione di eparina avviene attraverso la sua estrazione da alcuni organi come polmone e fegato di bue e mucosa intestinale di suino. Le eparine porcine e quelle a basso peso molecolare (oggi disponibili) provocano in minor misura, rispetto a quelle bovine, la produzione di anticorpi. Le eparine a basso peso molecolare (per esempio, nadroparina, enoxaparina) interferiscono meno con le piastrine e inibiscono solo il fattore X di coagulazione ma non la trombina: perciò è meno elevato il rischio di emorragia. La loro efficacia è perlomeno uguale a quella dell'eparina classica, con il vantaggio di richiedere minori controlli e causare minori complicanze.
 
Di dr.psico (del 08/09/2007 @ 14:40:56, in Lettera E, visto n. 1555 volte)
L'epatite è l'infiammazione del fegato, può essere dovuta a cause diverse: virus, farmaci, alcool, ecc. Le epatiti possono essere: * Acute (epatite virale e epatite suppurata). * Croniche (soprattutto in presenza di cirrosi epatica). L'epatite acuta virale è un processo con caratteristiche infiammatorie del fegato che porta a rigonfiamento cellulare degli epatociti infetti, flogosi, rigenerazione epatocitaria. Le epatiti virali vengono distinte da una lettera dell'alfabeto (A, B, C, D ed E) e presentano diverse caratteristiche e soprattutto pericolosità. Si trasmettono generalmente tramite sangue infetto (es. tatuaggi, trasfusioni, scambio di siringhe), con la saliva o altre secrezioni durante rapporti sessuali non protetti. Solo le epatiti di tipo A ed E si trasmettono tramite via orale o fecale. I sintomi possono essere ittero, inappetenza, vomito, febbre, diarrea, rash cutanei, artralgie. Nel caso dell'epatitite C spesso non ci sono sintomi, tranne stanchezza e perdita di peso. Esiste un vaccino molto efficace che però deve essere sempre modificato perchè il virus è soggetto a trasformazioni. I farmaci utilizzati per la terapia sono interferone e ribavirina.
 
Di riccardo (del 17/03/2014 @ 16:39:08, in Lettera E, visto n. 855 volte)
Sinonimo di epatoma. Detto anche carcinoma epatocellulare, è un tumore maligno primitivo del fegato. Alle nostre latitudini, l'epatoma è molto meno comune rispetto alla patologia metastatica del fegato: è invece molto diffuso in alcune zone dell'Africa e del Sud-Est asiatico. Tutte le epatopatie croniche possono teoricamente subire una degenerazione, ma è un fatto che in quasi la metà dei casi di epatoma è associata una cirrosi: tutte le cirrosi - infatti - ma soprattutto quella virale (tipo B ed, in particolar modo, tipo C), quella alcolica e quella emocromatosica tendono alla trasformazione maligna. La sintomatologia non è specifica ed è costituita, inizialmente, da dolore addominale, perdita di peso, deterioramento delle condizioni generali, epatomegalia, presenza di una massa addominale, febbre. Successivamente possono presentarsi ittero ingravescente e tutti i segni classici dell'insufficienza epatica. I test biochimici sono solitamente di scarso aiuto, ad eccezione dell'aumento di alfa-fetoproteina nel siero (dato, questo, che suggerisce la diagnosi ma non sempre può affermarla con assoluta certezza). Utili ai fini della diagnosi sono l'ecografia, la scintigrafia, la TAC, la risonanza magnetica, l'arteriografia epatica e la biopsia. L'andamento della malattia diviene rapidamente progressivo, spesso nonostante gli approcci terapeutici. Questi prevedono fondamentalmente la resezione chirurgica (quando possibile), l'embolizzazione dell'arteria epatica con chemioterapia (chemoembolizzazione), l'ablazione del tumore con infusione percutanea eco-guidata di alcol (alcolizzazione) e - in fase sperimentale - immunoterapia e terapia genica.
 
Di riccardo (del 17/03/2014 @ 16:47:14, in Lettera E, visto n. 723 volte)
Branca della medicina che studia la fisiopatologia del fegato, della cistifellea e delle vie biliari Lo specialista che se ne occupa è un epatologo, un gastroenterologo o un internista. Le principali patologie esaminate sono: epatite, epatite non virale, epatite virale acuta, HAV Epatite (Epatite virale A), HBV Epatite (Epatite virale B), HCV Epatite (Epatite virale C), Epatite da Cytomegalovirus Umana, Epatite da virus Epstein-Barr, Epatite da Herpes simplex, Epatite da febbre gialla, Epatite da virus Rubella, Epatite Cronica Virale, Tumore del fegato, Epatocarcinoma (cancro principale del fegato), Epatoblastoma, Tumore Mestatico, Cisti Epatiche, Emangioma cavernoso, Echinococco del fegato, Tumore del sistema biliare, Colangiocarcionoma Cancro della cistifellea.
 
Di riccardo (del 17/03/2014 @ 16:46:42, in Lettera E, visto n. 890 volte)
Sinonimo di epatocarcinoma. Detto anche carcinoma epatocellulare, è un tumore maligno primitivo del fegato. Alle nostre latitudini, l'epatoma è molto meno comune rispetto alla patologia metastatica del fegato: è invece molto diffuso in alcune zone dell'Africa e del Sud-Est asiatico. Tutte le epatopatie croniche possono teoricamente subire una degenerazione, ma è un fatto che in quasi la metà dei casi di epatoma è associata una cirrosi: tutte le cirrosi - infatti - ma soprattutto quella virale (tipo B ed, in particolar modo, tipo C), quella alcolica e quella emocromatosica tendono alla trasformazione maligna. La sintomatologia non è specifica ed è costituita, inizialmente, da dolore addominale, perdita di peso, deterioramento delle condizioni generali, epatomegalia, presenza di una massa addominale, febbre. Successivamente possono presentarsi ittero ingravescente e tutti i segni classici dell'insufficienza epatica. I test biochimici sono solitamente di scarso aiuto, ad eccezione dell'aumento di alfa-fetoproteina nel siero (dato, questo, che suggerisce la diagnosi ma non sempre può affermarla con assoluta certezza). Utili ai fini della diagnosi sono l'ecografia, la scintigrafia, la TAC, la risonanza magnetica, l'arteriografia epatica e la biopsia. L'andamento della malattia diviene rapidamente progressivo, spesso nonostante gli approcci terapeutici. Questi prevedono fondamentalmente la resezione chirurgica (quando possibile), l'embolizzazione dell'arteria epatica con chemioterapia (chemoembolizzazione), l'ablazione del tumore con infusione percutanea eco-guidata di alcol (alcolizzazione) e - in fase sperimentale - immunoterapia e terapia genica.
 
Cerca per parola chiave
 



Titolo
Lettera A (360)
Lettera B (241)
Lettera C (506)
Lettera D (255)
Lettera E (440)
Lettera F (170)
Lettera G (180)
Lettera H (56)
Lettera I (187)
Lettera J (5)
Lettera K (30)
Lettera L (399)
Lettera M (1056)
Lettera N (283)
Lettera O (348)
Lettera P (347)
Lettera Q (51)
Lettera R (339)
Lettera S (246)
Lettera T (314)
Lettera U (92)
Lettera V (43)
Lettera W (28)
Lettera X (15)
Lettera Y (2)
Lettera Z (28)

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
x monica se hai face...
07/03/2011 @ 14:51:33
Di filocell
X FILOCELL se clicci...
07/03/2011 @ 14:42:31
Di monica
x monica il messaggi...
07/03/2011 @ 13:25:51
Di filocell


< dicembre 2021 >
L
M
M
G
V
S
D
  
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
   
             

Titolo
Enciclopedia (1)

Le fotografie più cliccate