Cheratosi attinica
Di salute (del 01/04/2021 @ 18:21:52, in Lettera C, visto n. 259 volte)
O cheratosi solare) è una lesione della pelle che si presenta come un’irritazione locale o una macchia rosata sul viso, sulle mani, sulla testa o sugli arti.
Colpisce il 3% della popolazione italiana sopra i 50 anni, ma oggi è in crescita soprattutto fra le persone (soprattutto donne) di età compresa fra i 40 e i 50, i cosiddetti “stakanovisti del sole”, che non rinunciano all’abbronzatura neanche d’inverno.
Non sono più solo muratori, pescatori e agricoltori, esposti al sole per professione, a rischiare lesioni alla pelle, ma quarantenni con anni di abbronzatura naturale e artificiale alle spalle per motivi puramente estetici. Un tumore mascherato da macchia che colpisce chi si abbronza di più. Il melanoma è lo spauracchio di chi esagera con l’esposizione al sole ma nel prossimo futuro potrebbe essere proprio questa lesione precancerosa della pelle a colpire sempre di più le nuove generazioni amanti della tintarella.

Le persone più a rischio sono rappresentate dai fototipi 1 e 2, quindi quelle con pelli bianche, occhi e capelli chiari, presenza di efelidi, che si scottano facilmente. Ma anche chi ha una lunga storia di esposizione solare senza adeguata protezione, per esempio con frequenti eritemi solari durante l’infanzia. Nelle linee guida è evidenziato il concetto di “campo di cancerizzazione”, che spiega perché una singola lesione può recidivare o trasformarsi in tumori multipli», spiega Lotti. «In pratica, la cute circostante alla lesione può diventare sede di alterazioni genetiche e di iniziale e graduale sostituzione delle cellule normali con cellule anomale». La presenza del “campo di cancerizzazione” fa si che anche che la rimozione chirurgica del tumore primario (con bisturi, crioterapia, laser, curettage ed elettrocoagulazione) non sempre sia in grado di evitare la crescita di nuovi nuclei cancerosi. Si è così posto in primo piano l’esigenza di trattare non solo il tumore visibile, ma anche il “campo invisibile” in cui si è sviluppato e che lo circonda.
Le nuove linee guida raccomandano una terapia completa (lesione+campo di cancerizzazione) soprattutto nelle persone che presentano lesioni multiple (il 20% dei pazienti ha più di 10 lesioni). In questi individui, infatti, una terapia completa può consentire di eliminare ciò che è evidente e di prevenire un carcinoma invasivo, determinando una lunga remissione e aumentando l’intervallo fra i cicli di terapia.
Le Linee guida per la cura della cheratosi attinica hanno confermato che diclofenac al 3% e sodio ialuronato, un farmaco ad uso topico sotto forma di gel, rappresenta una terapia specifica nel caso in cui si vogliano eliminare non solo le lesioni visibili ma anche si voglia agire sulle cellule nell’area circostante.
Molti studi clinici hanno provato l’efficacia e la tollerabilità di questo farmaco, che spesso evita il ricorso alla chirurgia. «Negli studi clinici pubblicati i pazienti trattati per 60-90 giorni con diclofenac sodico ialuronato gel hanno visto la remissione dell’80% delle lesioni con una tollerabilità buona della cura e una bassa percentuale di effetti collaterali»i.

Si controllano i nei, ma certe macchie vengono trascurate. La cheratosi attinica, invece, è particolarmente insidiosa perché, circa nel 10% dei casi, si può trasformare in carcinoma squamocellulare. Inoltre, la popolazione italiana è ormai conscia del pericolo melanoma e dell’importanza del controllo dei nei, ma non è a conoscenza del fatto che quella macchia rossastra che si può formare su varie parti del corpo, sulla quale poi compare una crosticina, può trasformarsi in tumore, per cui è fondamentale rivolgersi al più presto al dermatologo.