Ectopýa
Di riccardo (del 27/02/2014 @ 17:37:06, in Lettera E, visto n. 647 volte)
Condizione congenita in virtù della quale un organo o una sua parte si trovano in una posizione anomala rispetto a quella occupata di norma. L'ectopia (dal greco ἔκτοπος éktopos: che è fuori ek- di posto tˇpos) è la disposizione di un organo del corpo nel punto sbagliato. Esempi comuni sono l'ectopia lentis, in cui l'organo colpito è il cristallino dell'occhio, l'ectopia cordis, in cui il cuore del feto è al di fuori del corpo e l'ectopia renale dove i due reni sono fusi tra loro e dalla stessa parte del corpo, ossia collocati in posizione anomala.