Pentossifillina.
Di riccardo (del 13/02/2014 @ 12:29:30, in Lettera P, visto n. 670 volte)
Vasodilatatore periferico, la cui azione, principalmente rivolta alla circolazione cutanea, aumenta la flessibilità di membrana e il metabolismo degli eritrociti, con diminuzione della viscosità e dell'aggregazione delle piastrine. Può determinare: nausea, vomito, vertigini e cefalea. Utilizzata in caso di arteriopatie periferiche (con efficacia nel 30-50% dei casi), deve essere associata a esercizio fisico e ad astensione dal fumo.