Rh, sistema
Di riccardo (del 13/01/2014 @ 18:19:29, in Lettera R, visto n. 831 volte)
Sistema di antigeni di natura proteica presente alla superficie dei globuli rossi, comprendente come antigeni principali CDEcde. D è l'antigene più immunogeno del sistema Rh; ma, al contrario di quanto avviene nel sistema AB0, non genera anticorpi preformati negli individui che non lo posseggono, ed è controllato da due alleli, D e d; questi possono originare tre genotipi diversi: DD, Dd e dd, cui corrispondono due soli fenotipi, in quanto D è dominante e pertanto l'antigene d si esprime soltanto in omozigosi, dd. Gli individui DD e Dd sono chiamati Rh+ (85%), quelli dd, Rh- (15%). L'importanza del sistema Rh si rileva, oltre che nelle trasfusioni, dalle conseguenze che derivano dalla gestazione di un Rh+ in una donna Rh- (vedi incompatibilità materno-fetale), considerando che un individuo, per essere Rh-, deve avere entrambi i genitori che abbiano almeno un allele da trasmettergli. Il sistema Rh comprende innumerevoli sottogruppi, la cui determinazione ha importanza in medicina legale per la ricerca biologica della paternità.