Onanismo.
Di dr.ssa Anna Carderi (del 07/11/2013 @ 12:10:01, in Lettera O, visto n. 843 volte)
Termine generalmente usato come sinonimo di masturbazione, indica più propriamente ogni atto diretto a impedire la generazione della prole mediante l'uso del coito interrotto o altre pratiche antifecondative. L'effetto finale dell'atto consiste nella dispersione del seme, e tale atto può riguardare solo gli individui di sesso maschile (i quali, appunto, hanno la capacità di produrre il seme e quindi, anche, la possibilità di disperderlo). Nell'uso corrente - ma talvolta anche nella terminologia medico-psicologica - alla parola onanismo resta accostato il significato di pratica della masturbazione, mentre il significato più corretto è utilizzato, ad esempio, nella teologia morale.