La soia riduce il colesterolo

Metanalisi conferma i benefici derivanti dall'assunzione del vegetale

Uno studio canadese dimostra l'efficacia della soia nella riduzione del colesterolo.
La ricerca, condotta dall'Università di Toronto e pubblicata sul Journal of American Heart Association, ha preso in esame i dati aggregati di decine di studi clinici realizzati sull'argomento negli ultimi anni.
«La riduzione si osserva sia per il colesterolo totale sia per la componente lipoproteica a bassa densità (LDL), ossia quella che può danneggiare il cuore», esordisce David Jenkins, professore di medicina e scienza della nutrizione all'Università di Toronto.
Proprio in questo periodo, la Food and Drug Administration sta valutando di eliminare dalle etichette degli alimenti a base di soia la dicitura “fa bene alla salute del cuore”.
«Ma l'effetto riduttivo è costante in tutti e 46 gli studi citati dall'FDA nel 2017, quando ha proposto di revocare l'indicazione sulla salute per la soia sulla base di studi da cui erano emersi risultati contrastanti. Dei 46 trials identificati dalla FDA, 43 hanno fornito dati per le meta-analisi. Di questi, 41 hanno fornito dati per il colesterolo LDL e tutti e 43 per il colesterolo totale», scrivono gli autori, che hanno eseguito una meta-analisi cumulativa, aggiornando i risultati della prima metanalisi condotta con quelli provenienti da un nuovo studio una volta terminato.
«È importante notare che la riduzione del colesterolo della soia da sola è inferiore al 5%, ma l'effetto è molto più marcato associandola ad altri alimenti vegetali», spiegano i ricercatori, condannando l'iniziativa dell'FDA. «I nostri dati dimostrano che i produttori di alimenti a base vegetale, l'industria e i rivenditori hanno bisogno di tutto l'aiuto possibile per rendere i loro prodotti accessibili al pubblico», conclude Jenkins.

Notizie correlate