Un vaccino per il colesterolo

Due iniezioni all'anno per dimezzarne i livelli

Il primo vaccino per l'ipercolesterolemia verrà testato in Gran Bretagna. Lo afferma la casa farmaceutica Novartis, che ha trovato un accordo con il sistema sanitario nazionale inglese per organizzare una sperimentazione sulla nuova terapia.
Il trattamento si basa su due iniezioni all'anno che dovrebbero garantire un dimezzamento dei valori del colesterolo cattivo nel giro di poche settimane, anche nei pazienti in cui le statine non funzionano.
La molecola si chiama inclisiran e la sua funzione è di inibire il gene PCSK9, in modo tale da consentire al fegato di assorbire maggiori quantità di Ldl.
«Questa collaborazione - ha sottolineato il ministro della Salute britannico Matt Hancock - ha il potenziale per salvare 30mila vite nei prossimi dieci anni, ed è la prova che la Gran Bretagna continua ad essere la destinazione principale al mondo per l'assistenza più all'avanguardia».
«L'accordo sottolinea il ruolo della Gran Bretagna come prima destinazione per far arrivate nuovi farmaci ai pazienti più velocemente e con una maggiore costo efficacia».
Secondo John Bell, professore dell'Università di Oxford, “la scoperta e lo sviluppo di inclisiran segnano un cambiamento importante nell'approccio delle soluzioni farmaceutiche per la salute pubblica”.
Secondo una stima dell'Università di Oxford, l'adozione della terapia consentirebbe di evitare 55mila ictus e infarti nel corso di 10 anni.



Notizie correlate