La sindrome da rientro nei bambini

Dal mal di testa agli sbalzi d'umore

L'estate sta finendo e con essa i ritmi di vita diversi che i bambini hanno sperimentato finora. Il rientro imminente alla normalità può portare con sé problemi e disagi per i più piccoli, dall'insonnia al mal di testa e agli sbalzi d'umore.
È una vera e propria sindrome da rientro che colpisce i piccoli nei primi giorni dopo la fine delle vacanze.
"Si presenta soprattutto nei bambini under 10 ed è determinata dalla necessità dell'adattamento alla riacquisizione dello stile di vita e delle consuete abitudini interrotti, in modo piacevole, dal periodo delle vacanze", segnala all'Adnkronos Salute Italo Farnetani, professore ordinario di Pediatria dell'università Ludes-United Campus of Malta.
"Questo adattamento in alcuni bambini suscita uno stress responsabile di alcuni sintomi clinici, che vanno conosciuti per evitare di pensare che siano determinati da malattie. Ma nello stesso tempo si deve attuare una strategia di prevenzione e aiuto all'adattamento. In primo luogo possono verificarsi disturbi del sonno - elenca Farnetani - Ci può essere difficoltà ad addormentarsi, talvolta il bambino resta a letto sveglio e questa è una situazione a rischio perché potrebbe facilitare l'insonnia. Talvolta può svegliarsi di notte, o svegliarsi particolarmente presto al mattino. Si possono determinare poi anche dei dolori addominali: in genere sono riferiti vicino all'ombelico e sono di breve durata, pochi minuti. Il piccolo può accusare anche mal di testa, sotto i 6 anni può riferire come sensazione un giramento di testa, può essere più irritabile, sperimentare sonnolenza durante il giorno. E può avere inappetenza, cioè mangiare di meno. È sempre bene, in ogni caso, avvertire il pediatra. Ma gli andrà riferito il giorno in cui si è rientrati dalle vacanze. Importante è la prevenzione, cioè facilitare l'adattamento al 'nuovo' stile di vita".
"Durante le vacanze il bambino sta più tempo all'aria aperta, perciò - anche se sarebbe bene farlo sempre - nei primi giorni post rientro teniamolo maggiormente fuori casa, per esempio portandolo nei parchi, in piscina, a fare delle passeggiate. Utile una camminata rilassante prima di andare a dormire alla sera. Per chi può, la classica sera in pizzeria in questi giorni è sicuramente da consigliare, proprio per cercare di favorire la transizione dal periodo di vacanza alla routine quotidiana. Per i cibi, soprattutto in questi giorni, meglio privilegiare quelli che gradisce maggiormente".
Per quanto riguarda i compiti, se ancora non li ha finiti, meglio aspettare qualche giorno dopo il rientro in maniera che il “reinserimento” nella quotidianità sia più fluido e facile.

22/08/2022 16:20:00 Andrea Sperelli


Notizie correlate