Gli smartphone aumentano il rischio di pubertà precoce

La luce blu altera i livelli ormonali

Il rischio di pubertà precoce aumenta con l'esposizione alla luce blu di smartphone e tablet. A dirlo è uno studio dell'Università di Ankara presentato durante l'incontro annuale di Endocrinologia pediatrica.
La dott.ssa Aylin Kilin Uğurlu e i suoi colleghi hanno analizzato gli effetti della luce blu emessa dai dispositivi elettronici sui livelli degli ormoni riproduttivi e sul momento in cui ha inizio la pubertà.
Sono state utilizzate 18 cavie femmina da laboratorio, divise in 3 gruppi da 6. Le cavie sono state esposte a un normale ciclo di luce e a 6 o 12 ore di luce blu. I primi segni di pubertà sono comparsi prima nei topi esposti alla luce blu, i quali mostravano anche una riduzione dei livelli di melatonina e un'aumentata produzione di specifici ormoni riproduttivi come l'estradiolo e l'ormone luteinizzante. C'erano inoltre cambiamenti nel tessuto ovarico coerenti con l'avvio della pubertà.
Maggiore era la durata dell'esposizione, più precoce è risultato l'inizio della pubertà. «Trattandosi di uno studio sui topi, non possiamo essere sicuri che questi risultati verranno replicati anche nei bambini ha spiegato la dottoressa Kilin Uğurlu , ma i nostri dati suggeriscono che l'esposizione alla luce blu potrebbe essere considerata un fattore di rischio per la pubertà precoce».
«Pur non trattandosi di uno studio conclusivo ha sottolineato l'autrice della ricerca , ci sentiamo in dovere di consigliare di ridurre al minimo l'uso di dispositivi elettronici che emettono luce blu nei bambini in età prepuberale, in special modo la sera, quando l'esposizione potrebbe alterare in misura maggiore i livelli ormonali».

26/09/2022 10:30:00 Andrea Sperelli


Notizie correlate