Malattia polmonare persistente dopo Covid-19

Riscontrata in una piccola percentuale di pazienti dimessi

Anche dopo la negativizzazione e le dimissioni dall'ospedale, una seppur piccola percentuale di pazienti sperimenta ancora problemi polmonari. Nello specifico, i ricercatori del Guy's and Saint Thomas' NHS Foundation Trust riportano che una piccola percentuale di pazienti ricoverati per Covid-19 presentava malattia polmonare interstiziale (Ild) infiammatoria persistente a qualche settimana dalla dimissione.
Per questo tipo di pazienti, secondo le conclusioni dello studio, il trattamento convenzionale con corticosteroidi risulta efficace nel migliorare la funzione polmonare e nel ridurre i sintomi.
Lo studio, pubblicato su Annals of the American Thoracic Society, ha riguardato 837 pazienti. 325 di essi (39%) mostrava sintomi in corso a 4 settimane dalle dimissioni. Dopo altre 2 settimane, 138 (42%) non mostrava alcun segno o sintomi di malattia, 110 (33,8%) accusava sintomi non verificabili attraverso le radiografie e 77 (24%) sono stati indirizzati al team multidisciplinare di malattia polmonare post-Covid.
Dei 59 a cui ├Ę stato diagnosticato un cambiamento interstiziale post-Covid persistente, 35 pazienti (il 4,8% della coorte) avevano polmonite in organizzazione, di cui 30 sono stati trattati con corticosteroidi alla dose massima iniziale di 0,5 mg/kg di prednisolone, e poi svezzati in 3 settimane. Alcuni hanno ricevuto dosi pi├╣ basse a seconda delle comorbilit├á. Nei pazienti trattati ├Ę stato osservato un aumento medio relativo del fattore di trasferimento del 31,6% e della capacit├á vitale
forzata del 9,6%, insieme al significativo miglioramento radiologico e sintomatico.
In prevalenza, i pazienti con Ild infiammatoria erano maschi, in sovrappeso e con comorbilit├á. In media, la degenza in ospedale ├Ę durata quasi 20 giorni, nell'82,9% dei casi i pazienti hanno avuto bisogno di ossigeno e il 55% era stato ricoverato in terapia intensiva.
Sachin Gupta, medico dell'Alameda Health System di Oakland non coinvolto nello studio, evidenzia come i pi├╣ vulnerabili a ILD e polmonite in organizzazione fossero i pi├╣ malati. ┬źIn un certo senso, ├Ę rassicurante che non stia accadendo a chiunque; sta accadendo ai pazienti che hanno avuto il peggior decorso e sono stati ricoverati in terapia intensiva per la maggior parte┬╗.
In questi casi, aggiunge Gupta, l'individuazione precoce dei pazienti a rischio e l'inizio della terapia steroidea potrebbero evitare danni e cicatrici polmonari persistenti.

Fonte: a href="https://doi.org/10.1513/AnnalsATS.202008-1002OC">Annals of the American Thoracic Society

24/03/2021 15:51:00 Andrea Sperelli


Notizie correlate