Melanoma, nanoparticelle con microRna per combatterlo

Trattamento possibile per i pazienti che non rispondono alle cure tradizionali

L'uso di nanoparticelle contenenti microRna potrebbe essere una soluzione innovativa per la cura del melanoma metastatico resistente alle terapie tradizionali, applicabile anche ad altre malattie oncologiche. Lo suggerisce uno studio, per ora solo su modelli in vitro e in vivo, di un gruppo di ricercatrici e ricercatori dell'Iss pubblicato su Molecular Therapy.
Attualmente, il melanoma metastatico rappresenta una sfida, soprattutto se non diagnosticato precocemente. Le terapie convenzionali si basano sull'immunoterapia e sugli inibitori di BRAF/MEK, ma molti pazienti non rispondono adeguatamente. Il nuovo approccio terapeutico proposto da questo studio, realizzato dal team guidato dalle ricercatrici Nadia Felli e Federica Felicetti del dipartimento di Oncologia e Medicina Molecolare, diretto dal Dr. Mauro Biffoni, si basa sull'utilizzo di nanoparticelle contenenti microRNA (miR126) che mirano direttamente al tumore.
Il miR126 è stato identificato come un efficacie agente onco-soppressivo nel melanoma, così come in altri tipi di cancro. Per veicolare in modo mirato il miR126, il team di ricerca ha creato nanoparticelle di chitosano funzionalizzate con un anticorpo specifico per una proteina di membrana delle cellule di melanoma. Questo approccio consente alle nanoparticelle di raggiungere selettivamente le cellule tumorali, migliorando l'efficacia del trattamento e riducendo gli effetti collaterali.
Le nanoparticelle sono state testate con successo in vitro e in vivo in combinazione con un inibitore della via di trasduzione del segnale PI3K/AKT. I risultati degli esperimenti hanno dimostrato una notevole riduzione della crescita del tumore primitivo e un'inibizione sorprendente della metastatizzazione. “Il sistema proposto da questa ricerca rappresenta un approccio innovativo nel campo della terapia oncologica, consentendo il trasporto mirato del microRna verso le cellule tumorali - sottolineano le ricercatrici. Il passaggio alla fase clinica sarà comunque cruciale per valutare l'efficacia del trattamento su pazienti e determinare la sua reale applicabilità nella lotta contro il melanoma metastatico resistente”.
Per la realizzazione di questo progetto il gruppo di ricerca dell'Iss ha collaborato con le ricercatrici della facoltà di chimica dell'Università “Sapienza” di Roma, coordinate dalla Prof.ssa Cleofe Palocci.

04/12/2023 10:32:00 Andrea Sperelli


Notizie correlate