Un test rapido per l'Alzheimer

In vendita negli Stati Uniti, segnala un'eventuale predisposizione

La Food and Drug Administration americana ha autorizzato la messa in vendita del primo test diagnostico in vitro per la diagnosi precoce delle placche amiloidi associate all'insorgenza del morbo di Alzheimer.
Il test si chiama Lumipulse G β-Amiloid Ratio (1-42/1-40) ed √® indicato per i pazienti di et√† pari o superiore a 55 anni che mostrano deterioramento cognitivo. Il test pu√≤ aiutare a capire se si ha una predisposizione per la malattia, consentendo quindi di prendere le dovute contromisure.
Il test Lumipulse misura il rapporto tra le concentrazioni di β-amiloide 1-42 e β-amiloide 1-40 (proteine che formano la placca) trovate nel liquido cerebrospinale umano (CSF). Ci√≤ pu√≤ aiutare a determinare se in un paziente sia probabile la formazione di placche amiloidi.
"La disponibilità di un test diagnostico in vitro che possa potenzialmente eliminare la necessità di scansioni PET costose e dispendiose in termini di tempo è un'ottima notizia per gli individui e le famiglie preoccupati della possibilità di una diagnosi di malattia di Alzheimer", ha spiegato Jeff Shuren, MD, direttore del Centro per i dispositivi e la salute radiologica della Fda.
"Con il test Lumipulse - ha aggiunto - abbiamo una nuova opzione, che può essere completata il giorno stesso, e fornire ai medici le stesse informazioni sullo stato dell'amiloide cerebrale, senza il rischio di radiazioni, per aiutare a determinare se il deterioramento cognitivo di un paziente sia dovuto al morbo di Alzheimer".

05/05/2022 16:55:00 Andrea Sperelli


Notizie correlate