Più effetti avversi per il vaccino combinato Covid-influenza

Meglio non sovrapporre le due inoculazioni secondo i ricercatori

Secondo uno studio pubblicato su Jama Network Open sarebbe meglio non sovrapporre le inoculazioni del vaccino anti-Covid e dell'antinfluenzale.
Lo studio ha coinvolto 980.000 persone di età superiore ai 12 anni. Nei 7 giorni successivi alla vaccinazione simultanea, i volontari hanno registrato il proprio stato di salute attraverso la piattaforma per smartphone v-safe messa a disposizione dal Centres for Disease Controls and Prevention.
Le reazioni avverse hanno riguardato il 58,9% dei soggetti che hanno ricevuto il vaccino di Pfizer e l'antinfluenzale e il 68,6% di quelli che hanno ricevuto Moderna e l'antinfluenzale. I sintomi riportati con maggior frequenza sono stati dolori locali nella zona di iniezione, mal di testa, stanchezza, dolore muscolare.
La possibilità di insorgenza dei sintomi era più alta di quella legata alla semplice dose di richiamo del vaccino a mRna. In linea generale, i sintomi erano lievi e si risolvevano in pochi giorni.
C'è poi da considerare il fatto che non è possibile stabilire con certezza se sia proprio la somministrazione combinata a creare più problemi del solito, dato che ogni anno il vaccino antinfluenzale viene aggiornato e potrebbe scatenare reazioni avverse diverse rispetto all'anno precedente.
L'aspetto importante è che comunque gli effetti sono lievi, anche se gli autori suggeriscono in ogni caso di distanziare le due iniezioni per ridurne l'impatto.

01/09/2022 11:00:00 Andrea Sperelli


Notizie correlate