Deficit cognitivo, ipertensione tra i fattori di rischio

Anche obesità e iperglicemia aumentano le probabilità

Uno studio apparso su Neurology dimostra che i soggetti fra 20 e 30 anni che hanno problemi di ipertensione, obesità o iperglicemia rischiano più di altri nella seconda parte della vita di soffrire di declino cognitivo e deficit di memoria.
«Questi risultati sono sorprendenti e suggeriscono che la prima età adulta possa essere un momento critico per la relazione tra questi problemi di salute e le capacità cognitive in età avanzata», afferma Kristine Yaffe, della University of California di San Francisco, prima autrice del lavoro.
Gli scienziati hanno unito i risultati di 4 diversi studi per un campione totale di 15.000 soggetti fra i 18 e i 95 anni, seguite per un periodo dai 10 ai 30 anni. Per almeno tre volte sono stati misurati l`indice di massa corporea, i livelli di glucosio nel sangue, la pressione e il colesterolo.
Ogni uno o due anni sono state testate anche le capacità cognitive e mnemoniche. I dati indicano che il declino dei punteggi relativi alle abilità neurologiche sono correlati a indici più alti di massa corporea, ipertensione e livelli elevati di glucosio nel sangue. Accusare questi problemi fra i 20 e i 30 anni si traduce nel raddoppio del tasso medio di declino in 10 anni.
I risultati ottenuti sono stati confermati dopo aver tenuto conto di fattori potenzialmente confondenti come l`età, il sesso e il livello di istruzione. Il livello di colesterolo non è invece apparso correlato al declino cognitivo. I soggetti con un indice di massa corporea superiore a 30 fra i 20 e i 30 anni mostravano punteggi di 3 o 4 punti inferiori rispetto alle persone con un Imc normale. Risultati peggiori di tre o quattro punti sono stati osservati anche per persone la cui pressione sanguigna sistolica era superiore a 140 mmHg tra i 20 e i 30 anni. Le persone che hanno avuto livelli alti di glucosio nel sangue tra i 20 e i 30 anni, invece, hanno avuto un peggioramento di ben nove o 10 punti.

Fonte: Neurology

26/03/2021 Andrea Sperelli

Notizie correlate

Problemi alla vista come segnale di demenza

  • Legame fra alcune patologie oculari e deterioramento cognitivo
    (Continua)




Un test del sangue per capire il dolore

  • Scovato un biomarcatore in grado di mostrare quanto soffriamo
    (Continua)




L’inquinamento atmosferico aumenta il rischio di demenza

  • Riduzione del volume dell’ippocampo legata alle polveri sottili
    (Continua)




Nuovo meccanismo di protezione dei neuroni

  • La noradrenalina protegge le cellule nervose ripristinando l’autofagia
    (Continua)




I probiotici migliorano le funzioni cerebrali

  • La loro assunzione combatte la perdita di funzionalità cerebrali
    (Continua)




Nuova tecnica per lo studio del cervello

  • Tecnica ottica per l'indagine macroscopica ad alta risoluzione
    (Continua)




Paralizzato da un ictus, parla con il pensiero

  • Esperimento offre uno strumento di espressione a un uomo
    (Continua)




Il cervello a riposo? Ottimizza le prestazioni future

  • Il ruolo dei modelli generativi nella funzionalità cerebrale
    (Continua)




I problemi neurologici legati a Covid

  • Il rischio di mortalità aumenta per chi ha disturbi
    (Continua)




Diagnosi precoce per due malattie neurodegenerative





Mappato il movimento del pensiero

  • Cosa succede nel cervello quando pensiamo a qualcosa
    (Continua)




Una proteina protegge il cervello

  • Segnalato un legame con la perdita di neuroni e l’invecchiamento
    (Continua)




Dormire poco porta alla demenza

  • Nesso evidente soprattutto nella fascia d’età 50-60 anni
    (Continua)




Nuovo sistema per far crescere i neuroni

  • Svolta per la comprensione delle malattie neuromuscolari
    (Continua)




Distrofia di Duchenne, l’impatto delle alterazioni del timo

  • Il ruolo del sistema immunitario nella distrofia muscolare di Duchenne
    (Continua)




Il cervello vive ancora dopo la morte

  • Alcuni geni si attivano nelle ore successive al decesso
    (Continua)




Deficit cognitivo, ipertensione tra i fattori di rischio

  • Anche obesità e iperglicemia aumentano le probabilità
    (Continua)




Nuova terapia per la CALD

  • Speranze per i pazienti colpiti da adrenoleucodistrofia cerebrale
    (Continua)




X-fragile, l’impatto di una mutazione

  • Scoperta l’influenza della mutazione della sequenza R138Q del gene FMR1
    (Continua)