Predire le recidive di un cancro infantile

Genetica e dose di radioterapia sono i fattori chiave

Su Nature Medicine è stato pubblicato uno studio che ha indagato il nesso fra i punteggi di rischio poligenico (PRS) e l'esposizione a radioterapia e il rischio che i sopravvissuti a un tumore in età pediatrica siano nuovamente colpiti da un tumore.
Lo studio è firmato da autori dei National Institutes of Health di Bethesda guidati da Todd M. Gibson. Dallo studio è emerso che alcuni PRS specifici per il cancro sono legati in maniera significativa all'aumento del rischio di sviluppare vari tumori, fra cui carcinoma basocellulare, carcinoma mammario, carcinoma della tiroide, carcinoma a cellule squamose e melanoma, mentre per il cancro colorettale questa associazione non è risultata significativa.
La combinazione di alti PRS ed esposizione alla radioterapia aumenta ancora di pi√Ļ il rischio per alcuni tipi di cancro, suggerendo quindi un effetto sinergico tra fattori genetici e trattamenti precedenti.
Per i sopravvissuti trattati con radioterapia, l'incidenza cumulativa di cancro successivo all'et√† di 50 anni √® pi√Ļ alta nei soggetti con PRS elevati rispetto a quelli con PRS bassi.
Si tratta di risultati che sottolineano il potenziale dei PRS nell'individuazione dei sopravvissuti al cancro infantile a maggior rischio di sviluppare tumori secondari, ipotizzando un possibile impiego per uno screening maggiormente personalizzato.

Fonte: Nature Medicine 2024. Doi: 10.1038/s41591-024-02837-7
Nature Medicine

21/03/2024 09:56:00 Andrea Sperelli


Notizie correlate