Nuovo sistema per far crescere i neuroni

Svolta per la comprensione delle malattie neuromuscolari

Una ricerca italo-olandese ha portato allo sviluppo di una piattaforma microfluidica, fondamentale per studiare la comunicazione cellula-cellula e l’interazione cellula-microambiente extracellulare in maniera altamente precisa e con possibili applicazioni in campo neurologico.
Lo studio è firmato da ricercatori dell’Istituto di nanotecnologia del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Nanotec) di Lecce, in collaborazione con i colleghi dell’Irccs Ospedale San Raffaele di Milano e dell’Università di Maastricht.
In particolare, i ricercatori hanno dimostrato come poter selettivamente crescere e differenziare neuroni e cellule di Schwann all’interno di comparti cellulari miniaturizzati, permettendo una separazione fisica tra tali comparti e al contempo non alterando la comunicazione cellulare paracrina. I risultati sono stati pubblicati sulla rivista Scientific Reports del gruppo Nature e rappresentano il primo passo verso l’individuazione dei meccanismi alla base delle malattie neurodegenerative.
“Comprendere la comunicazione tra diverse popolazioni cellulari e la loro interazione con il microambiente extracellulare nel sistema nervoso centrale e periferico è un passo fondamentale nella ricerca neuroscientifica”, afferma Alessandro Polini, ricercatore del Cnr-Nanotec e autore dello studio. “Lo sviluppo di approcci e strumenti “in vitro” in grado di analizzare e/o sondare selettivamente cellule e porzioni cellulari specifiche (ad esempio, assoni e corpi cellulari nei neuroni) guidando la loro differenziazione in fenotipi cellulari specifici, è diventato quindi cruciale”. Lo studio realizzato punta in questa direzione. “Partendo da cellule staminali indotte, cioè un particolare tipo cellulare con enormi potenzialità ottenute da paziente affetto da una determinata patologia, si ricrea “in vitro” il microambiente e le interazioni che intercorrono tra specifiche tipologie cellulari che hanno un ruolo centrale nella patologia presa in esame”, spiega Polini. “Le cellule staminali potranno essere direttamente utilizzate nei dispositivi dove verranno differenziate per dare vita alle tipologie cellulari di interesse fornendo un modello altamente rappresentativo, tanto del singolo paziente quanto della sua patologia.”
“Un risultato importante nel campo delle neuroscienze, perché la piattaforma microfluidica così costruita consentirà di compiere progressi significativi per la comprensione della patologia nelle malattie neuromuscolari come le neuropatie periferiche e la sclerosi laterale amiotrofica. Potenzialmente potrà rappresentare un efficace sistema di screening farmacologico”, conferma Angelo Quattrini, neurologo dell’Irccs Ospedale San Raffaele di Milano.
“Lo sviluppo di “organ-on-chip” è uno dei nostri obiettivi primari. Grazie a tali modelli è possibile ricostruire in vitro piccoli comparti di organo al fine di studiare i meccanismi fisiologici che sottendono le diverse patologie”, conclude Giuseppe Gigli, direttore del Cnr-Nanotec e coordinatore del Tecnopolo per la Medicina di Precisone. “In un prossimo futuro riteniamo ragionevole ipotizzare che “organ-on-chip” ottenuti utilizzando cellule del paziente possano fungere da modelli realistici per il test di farmaci prima dell’infusione nel paziente. Un passo importante verso una medicina sempre più personalizzata”.

Fonte: Scientific Reports

21/04/2021 11:20:00 Andrea Sperelli

Notizie correlate

Problemi alla vista come segnale di demenza

  • Legame fra alcune patologie oculari e deterioramento cognitivo
    (Continua)




Un test del sangue per capire il dolore

  • Scovato un biomarcatore in grado di mostrare quanto soffriamo
    (Continua)




L’inquinamento atmosferico aumenta il rischio di demenza

  • Riduzione del volume dell’ippocampo legata alle polveri sottili
    (Continua)




Nuovo meccanismo di protezione dei neuroni

  • La noradrenalina protegge le cellule nervose ripristinando l’autofagia
    (Continua)




I probiotici migliorano le funzioni cerebrali

  • La loro assunzione combatte la perdita di funzionalità cerebrali
    (Continua)




Nuova tecnica per lo studio del cervello

  • Tecnica ottica per l'indagine macroscopica ad alta risoluzione
    (Continua)




Paralizzato da un ictus, parla con il pensiero

  • Esperimento offre uno strumento di espressione a un uomo
    (Continua)




Il cervello a riposo? Ottimizza le prestazioni future

  • Il ruolo dei modelli generativi nella funzionalità cerebrale
    (Continua)




I problemi neurologici legati a Covid

  • Il rischio di mortalità aumenta per chi ha disturbi
    (Continua)




Diagnosi precoce per due malattie neurodegenerative





Mappato il movimento del pensiero

  • Cosa succede nel cervello quando pensiamo a qualcosa
    (Continua)




Una proteina protegge il cervello

  • Segnalato un legame con la perdita di neuroni e l’invecchiamento
    (Continua)




Dormire poco porta alla demenza

  • Nesso evidente soprattutto nella fascia d’età 50-60 anni
    (Continua)




Nuovo sistema per far crescere i neuroni

  • Svolta per la comprensione delle malattie neuromuscolari
    (Continua)




Distrofia di Duchenne, l’impatto delle alterazioni del timo

  • Il ruolo del sistema immunitario nella distrofia muscolare di Duchenne
    (Continua)




Il cervello vive ancora dopo la morte

  • Alcuni geni si attivano nelle ore successive al decesso
    (Continua)




Deficit cognitivo, ipertensione tra i fattori di rischio

  • Anche obesità e iperglicemia aumentano le probabilità
    (Continua)




Nuova terapia per la CALD

  • Speranze per i pazienti colpiti da adrenoleucodistrofia cerebrale
    (Continua)




X-fragile, l’impatto di una mutazione

  • Scoperta l’influenza della mutazione della sequenza R138Q del gene FMR1
    (Continua)