Disturbo ossessivo-compulsivo, fattori di rischio perinatali

Maggiori probabilità di sviluppare il disturbo in età adulta

I fattori di rischio in epoca perinatale sono associati a un aumento del rischio di sviluppare un disturbo ossessivo-compulsivo in età adulta. Lo dice uno studio apparso su Jama Psychiatry a firma di alcuni ricercatori del Karolinska Institutet di Stoccolma.
Il dott. Gustav Brander, coordinatore della ricerca, spiega: «Diverse complicanze nel periodo perinatale sono state finora associate con un certo numero di disturbi psichiatrici, e alcuni studi recenti suggeriscono, senza tuttavia arrivare a conclusioni definitive, che tali complicazioni possano giocare un ruolo di primo piano anche nello sviluppo del disturbo ossessivo-compulsivo».
Lo studio ha analizzato il potenziale collegamento fra disturbo ossessivo-compulsivo e le complicanze perinatali esaminando i dati relativi a un campione di 2,4 milioni di bambini nati in Svezia fra il 1973 e il 1996, seguendoli fino al 2013.
«Della casistica originaria, 17.305 persone hanno ricevuto diagnosi di disturbo ossessivo-compulsivo a un'età media di 23 anni», spiegano i ricercatori.
L'analisi ha fatto emergere un collegamento con alcuni fattori di rischio specifici: presentazione podalica, esposizione al fumo materno in gravidanza, parto cesareo o prematuro, basso peso alla nascita, grandi dimensioni per l'età gestazionale e punteggio Apgar positivo per distress fetale.
«Il meccanismo che collega la comparsa di tale disturbo ai fattori di rischio perinatali deve peraltro essere ancora identificato», sottolineano gli autori. «Questi risultati rivestono grande importanza per la comprensione delle cause del disturbo e aprono la strada a future ricerche sull'interazione tra ambiente e corredo genetico», conclude Brander.

Fonte: Jama Psychiatry

25/10/2016 17:45:00 Andrea Piccoli

Notizie correlate

Come si sviluppa la schizofrenia

  • Individuati recettori del sistema nervoso coinvolti già dalle prime fasi
    (Continua)




Schizofrenia, meno effetti collaterali coi nuovi farmaci

  • Gli antipsicotici di nuova generazione garantiscono meno disturbi
    (Continua)




Allucinazioni indotte stimolando 20 neuroni





Sentire le voci non è sintomo di psicosi

  • Le allucinazioni uditive possibili anche in persone sane
    (Continua)




Disturbi dell'umore: un mix di fattori organici e psichici





Mancanza di vitamina D associata a schizofrenia

  • La carenza della sostanza metterebbe a rischio i nascituri
    (Continua)




Nuovo farmaco per la schizofrenia, cariprazina





Schizofrenia, un gene influenza l'efficacia dei farmaci

  • Un’alterazione di Dysbindin aumenta la risposta ai trattamenti
    (Continua)




Ecco dove nasce la schizofrenia

  • Le aree coinvolte nelle distorsioni della percezione
    (Continua)




Disturbo bipolare, la terapia con litio può migliorare

  • Scienziati italiani studiano come ottimizzare il trattamento
    (Continua)




Psicosi da attentato

  • Condividere emozioni e pensieri è la via per uscirne
    (Continua)




Disturbo ossessivo-compulsivo, fattori di rischio perinatali

  • Maggiori probabilità di sviluppare il disturbo in età adulta
    (Continua)




La cannabis causa la psicosi





Schizofrenia, il ruolo del gene Arc





Fumo materno aumenta il rischio di schizofrenia nei bambini

  • Nesso tra il fumo in gravidanza e l'insorgenza del disturbo psichiatrico
    (Continua)




Il ruolo del gene C4 nella schizofrenia

  • Importanti scoperte messe a punto da un team di ricercatori americani
    (Continua)




Psicosi da carne rossa, come affrontarla

  • Serve maggiore conoscenza e consapevolezza di ciò che mangiamo
    (Continua)




Il ruolo di un gene nella schizofrenia





Nuove terapie per la schizofrenia

  • Possibili grazie alle nuove scoperte sulla sua origine
    (Continua)