Autismo, diagnosi a 2 anni per ridurne i sintomi

La diagnosi precoce consente di ottenere miglioramenti sensibili

Prima si interviene meglio √®. Un principio quasi sempre valido in medicina, ma ancora di pi√Ļ per alcune malattie come l'autismo. Uno studio pubblicato su Autism da ricercatori dell'Universit√† Ben-Gurion del Negev, in Israele, sostiene che la diagnosi precoce - cio√® prima che il bambino abbia 2 anni e mezzo - consenta di ridurre le manifestazioni pi√Ļ grave dell'autismo e di ottenere miglioramenti evidenti sul piano delle relazioni sociali.
La ricerca ha preso in esame 131 bambini con diagnosi ottenuta fra 1 e 5 anni di et√†, seguendoli per 1 o 2 anni per verificare la comparsa dei sintomi autistici. I risultati mostrano che fra i bambini che avevano ricevuto la diagnosi prima di compiere 2 anni e mezzo le probabilit√† di osservare miglioramenti sensibili nei sintomi sociali dell'autismo erano 3 volte pi√Ļ alte rispetto ai bambini che avevano ricevuto una diagnosi in et√† successive.
Nessuna correlazione è emersa rispetto all'età dei genitori alla nascita, ai loro livelli di istruzione o al sesso.
"Riteniamo che questo miglioramento possa essere collegato alla maggiore plasticità del cervello e alla flessibilità comportamentale che caratterizza le prime fasi dell'infanzia", afferma Ilan Dinstein, che ha guidato il team di ricercatori. "Questi risultati evidenziano l'importanza della diagnosi precoce e del trattamento del disturbo dello spettro autistico in contesti comunitari. Sarebbe importante introdurre lo screening universale per il disturbo dello spettro autistico prima dei 2,5 anni di età".
In media, la diagnosi di autismo arriva infatti all'et√† di 4 anni. "I risultati - aggiunge Ditza Tzahor, tra gli autori della studio - mostrano quanto sia importante che i genitori e i professionisti riconoscano i primi segnali di autismo. √ą di grande importanza creare strumenti per valutarli precocemente".

19/11/2021 Andrea Sperelli


Notizie correlate