Ictus, nuova luce sulla riabilitazione motoria

Osservata la plasticità neuronale associata al processo riabilitativo

È stata osservata per la prima volta la plasticità neuronale e vascolare, associata alla riabilitazione dopo un ictus, utilizzando una combinazione di tecniche ottiche in vivo e ex vivo.
Lo hanno fatto i ricercatori dell’Istituto di neuroscienze del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-In), in collaborazione con l’Istituto di biorobotica della Scuola superiore Sant’Anna e il Laboratorio europeo per le spettroscopie non-lineari (Lens).
La ricerca, pubblicata su Cell Reports, è volta a monitorare la capacità del sistema nervoso di modificare l'intensità delle relazioni tra le sinapsi in seguito all’ictus. Le tecniche ottiche avanzate hanno il vantaggio di mostrare la plasticità neuronale su scale spaziali che vanno dal singolo neurone all’intero emisfero.
“Le tecniche combinate di microscopia di fluorescenza e ingegneria genetica hanno consentito di visualizzare l’attività neuronale mentre il modello murino esegue il training sulla piattaforma robotica, permettendoci così di capire come il processo riabilitativo plasmi i pattern di attivazione corticale, cioè modifichi la struttura e le interazioni tra i componenti della corteccia”, spiega Allegra Mascaro, ricercatrice del Cnr-In, affiliata al Lens, che sottolinea come tutto questo sia stato possibile grazie alle strumentazioni e al personale forniti da quest’ultimo.
Lo studio fa parte dello ‘Human Brain Project’, un progetto europeo multidisciplinare, coordinato dall'Istituto di biochimica e biologia cellulare del Cnr, che utilizza i risultati di questa ricerca come base da cui partire per simulare il cervello umano. “Sebbene sia ancora lunga la strada per comprendere appieno i meccanismi di recupero promossi dalla riabilitazione, i risultati pubblicati sono promettenti riguardo la possibilità di garantire ai pazienti un recupero funzionale completo”, conclude Mascaro.

31/10/2019 14:35:00 Andrea Sperelli

Notizie correlate

Nuove linee guida sull’ictus

  • Raccomandazioni aggiornate per una migliore gestione della malattia
    (Continua)




Come migliorare i danni da ictus

  • Silenziare alcune molecole per proteggere il cervello
    (Continua)




Riattivare l'autofagia per prevenire l'ictus





Ictus, nuova luce sulla riabilitazione motoria

  • Osservata la plasticità neuronale associata al processo riabilitativo
    (Continua)




Ictus, 9 ore per somministrare la trombolisi

  • Si allunga il termine entro cui è possibile la cura
    (Continua)




Ictus, meglio rivaroxaban di warfarin

  • Studio di real life evidenzia la maggiore efficacia del primo farmaco
    (Continua)




Ictus, cura dell’apnea del sonno migliora gli esiti

  • Ridotti sintomi neurologici e compromissione dell’eloquio
    (Continua)




Neuroni riprodotti in vitro, un passo per la cura dell’ictus

  • Utilizzati gli stessi segnali chimici di cui si serve l’embrione
    (Continua)




Ictus, scoperti nuovi geni coinvolti

  • 22 fattori di rischio genetici forniscono nuovi target terapeutici
    (Continua)




Ictus, in un peptide il segreto per recuperare

  • Ricercatori americani individuano un fattore di protezione neurologica
    (Continua)




Ictus, donne più a rischio

  • Alcuni fattori di rischio non sono comuni agli uomini
    (Continua)




Ictus, nuova terapia per un recupero più veloce





Ictus, la dieta mediterranea potrebbe favorirlo





Il guanto che aiuta a superare l'ictus

  • Dispositivo indossabile che facilita la riabilitazione
    (Continua)




Ictus, il meccanismo di autodifesa del cervello

  • Scoperte modifiche nelle connessioni cerebrali subito dopo l’evento
    (Continua)




Le staminali curano l'ictus

  • Alcuni pazienti recuperano le funzioni motorie perdute
    (Continua)




Fibrillazione atriale, la cura per pazienti a rischio ictus

  • Spesso non trattati con una terapia anticoagulante adeguata
    (Continua)




Ictus, il veleno di un ragno riduce i danni





Ictus, scoperto enzima che lo favorisce

  • Nox2 aumenta il rischio di occlusione dell'arteria carotide
    (Continua)