Malattie del cuore, un'app per l'uso corretto dell'aspirina

La tecnologia può aiutare a capire chi beneficia maggiormente del farmaco

L'uso dell'aspirina come forma di prevenzione per le malattie cardiovascolari ha migliorato i tassi di incidenza negli ultimi anni. A confermarlo è uno studio apparso su Jama Internal Medicine e firmato da Samia Mora, cardiologa del Brigham and Women's Hospital di Boston che spiega: «Nel corso degli ultimi decenni i tassi di morte per malattie cardiovascolari, tra cui la malattia coronarica e l'ictus, sono diminuiti negli uomini e più recentemente nelle donne».
Parte della riduzione è attribuibile al miglioramento dei fattori di rischio modificabili, ad esempio il fumo e l'ipertensione non trattata, ma un'altra parte è dovuta all'uso di farmaci fra cui l'aspirina.
«Tuttavia la decisione sull'uso appropriato dell'aspirina nel ridurre il rischio di malattie cardiovascolari aterosclerotiche è complessa, e richiede una valutazione individualizzata per ogni paziente», scrivono gli autori.
Per chiarire meglio il rapporto fra rischi e benefici, i medici guidati da Mora hanno realizzato una revisione degli studi sull'argomento fino al 2016, selezionandone 11 per un totale di oltre 118mila pazienti.
Hanno così scoperto che i benefici indotti dall'aspirina in termini di prevenzione delle malattie cardiovascolari superano generalmente i potenziali rischi. «Per aiutare medici e pazienti a prendere decisioni informate circa l'uso di aspirina, abbiamo messo a punto "Aspirin-Guide", un'app per smartphone in grado di calcolare il punteggio di rischio sia cardiovascolare sia di sanguinamento per ogni singolo paziente, contribuendo a facilitare la decisione su quali pazienti sono idonei all'uso di aspirina a basse dosi, ossia da 75 a 81 mg al giorno», conclude Mora.

Fonte: Jama Internal Medicine

15/07/2016 15:18:00 Andrea Sperelli

Notizie correlate

La salute è sempre più social





Organi con stampa 3D per terapie personalizzate

  • Al via sperimentazione per la creazione di organi modello
    (Continua)




Nuova tecnologia per rivoluzionare la diagnostica





Un’app per il Deficit di Glut1





Un avatar cura schizofrenia e depressione

  • Alter ego virtuale come cardine di terapie innovative
    (Continua)




Il futuro della diagnosi è tascabile





L’ecografia è sempre più smart

  • In sperimentazione dispositivo che trasforma lo smartphone in ecografo
    (Continua)




Anche i muscoli sono stampati in 3D

  • Team americano realizza i muscoli per i robot del futuro
    (Continua)




Un’app che valuta l’impatto della glicemia





Lo smartphone ci dirà se siamo fertili

  • Un team americano realizza un test per una diagnosi tecnologica
    (Continua)




AtomNet, l'intelligenza artificiale crea farmaci

  • Nuovi medicinali messi a punto da reti neurali convoluzionali
    (Continua)




E-Health, tra bufale e verità

  • Il primo decalogo che aiuta cittadini a difendersi dalle insidie della rete
    (Continua)




Lo smartphone ci dice come sta il cuore

  • Monitoraggio continuo delle informazioni sulla salute cardiaca
    (Continua)




L'ibernazione compie 50 anni

  • Migliaia di persone in attesa di accedere al servizio
    (Continua)




Diagnosticare l'Hiv con una chiavetta Usb





Sito web dell'anno, Italiasalute è candidato





Malattie del cuore, un'app per l'uso corretto dell'aspirina

  • La tecnologia può aiutare a capire chi beneficia maggiormente del farmaco
    (Continua)




Nasce l'era della cybertherapy

  • È italiana la prima struttura al mondo a dotarsi della tecnologia “Cave”
    (Continua)




Nuovo robot per interventi al cervello

  • Sonda robotica di nuova generazione per operazioni delicate
    (Continua)