Un vaccino per il cancro del pancreas e del colon

Profilassi diretta contro le recidive

Un vaccino potrebbe aumentare le speranze di vita dei pazienti colpiti da un cancro al pancreas o al colon-retto. Lo spiega uno studio pubblicato su Nature Medicine da un team dell'MD Anderson Cancer Center dell'Università del Texas coordinato da Shubham Pant.
La sperimentazione realizzata su un campione di 25 pazienti con età media di 61 anni mostra che i soggetti sottoposti a rimozione del tumore e che hanno ricevuto 10 dosi del vaccino ELI-002 mirato alle mutazioni KRAS G12D e G12R mostravano risposte immunitarie nell'84 per cento dei casi. Nei soggetti che avevano ricevuto dosi maggiori la risposta era del 100 per cento. La risposta immunitaria, commentano gli studiosi, era associata a una riduzione dell'86 per cento del rischio di recidiva e decesso.
“Questo approccio - commenta Pant - dimostra il potenziale nel ritardare la recidiva e migliorare l'aspettativa di vita nei pazienti con cancro del pancreas e del colon-retto. Questa forma di carcinoma è infatti correlata a un significativo tasso di recidiva, anche dopo la chemioterapia”.
I tumori con mutazione KRAS costituiscono circa un quarto di tutti i tumori solidi, per questo un'opzione terapeutica efficace potrebbe rappresentare un passo importante per moltissime persone. Non sono emersi problemi legati a tossicità o a eventi avversi.
Gli effetti collaterali più frequenti sono stati affaticamento e reazione al sito di iniezione. Ora verrà avviata la seconda fase di sperimentazione con un campione più grande.
“Questi risultati sono preliminari - conclude Pant - ma ci sembrano molto promettenti. Speriamo che il vaccino possa aiutare molti pazienti a ridurre il rischio di recidiva e incrementare l'aspettativa di vita. L'altro aspetto positivo riguarda il profilo di sicurezza del farmaco, che sembra molto incoraggiante”.

12/01/2024 11:10:00 Andrea Sperelli


Notizie correlate