Il junk food fa male anche al cervello

Più probabile un processo neurodegenerativo

Se si consumano alimenti spazzatura come merendine, biscotti, patatine e bibite gassate, a risentirne non è solo l'apparato cardiovascolare, ma anche il cervello. A rivelarlo è uno studio pubblicato su Neurology da un team della Tianjin Medical University.
La ricerca è stata condotta su un gruppo di oltre 72.000 adulti britannici, nessuno dei quali mostrava segni di demenza all'inizio dello studio. I soggetti hanno compilato due questionari con domande relative a ciò che avevano mangiato il giorno prima. L'obiettivo era studiare il consumo di cibi ultraprocessati e metterlo in rapporto con quello di altri alimenti.
I partecipanti sono stati divisi in 4 categorie che corrispondevano ad altrettanti livelli di consumo di junk food, compresi fra il 9 e il 28 per cento del consumo giornaliero. I soggetti sono stati poi seguiti negli anni successivi.
518 persone hanno sviluppato un processo neurodegenerativo, 105 nel gruppo a più bassa assunzione di alimenti ultraprocessati, 150 in quello collocato al polo opposto.
Escludendo dalla valutazione altri fattori di rischio per le demenze (età, sesso, storia famigliare, precedenti malattie cardiovascolari), i ricercatori hanno stimato un aumento delle probabilità di ammalarsi (+25 per cento) per ogni incremento quotidiano (+10 per cento) di alimenti ultraprocessati assunti.
I ricercatori hanno valutato l'effetto della sostituzione di una piccola percentuale di questi cibi con alimenti non trasformati o poco trasformati, come la frutta, la verdura, i legumi, il latte e la carne.
"Un aumento dell'assunzione quotidiana di 50 grammi di questi ultimi alimenti contribuisce a ridurre il rischio di ammalarsi di demenza quasi del 20 per cento”, afferma Huiping Li, ricercatore del dipartimento di sanità pubblica della Tianjin Medical University e prima firma della pubblicazione. “Ciò equivale ad aggiungere alla propria dieta giornaliera mezza mela, una porzione di mais o una ciotola di crusca. Riducendo contestualmente il consumo di alimenti ultratrasformati".
I cibi industriali trasformati contengono grandi quantità di sale, zuccheri aggiunti e grassi, e ormai sono diffusissimi.
"Prodotti comodi e gustosi, che hanno però un impatto negativo sulla dieta dell'uomo - aggiunge Li -. Al loro interno sono contenuti additivi o molecole provenienti dai materiali di imballaggio o che possono svilupparsi durante il riscaldamento che in diversi studi hanno dimostrato di avere un impatto negativo sulla memoria e sulla capacità di pensiero".

13/09/2022 09:30:00 Andrea Piccoli


Notizie correlate