Nuovo trattamento per il Clostridium difficile

Terapia basata sul microbioma

Un trattamento basato sul microbioma ha un effetto positivo sull'infezione da Clostridium difficile.
Ad affermarlo ├Ę uno studio pubblicato su Jama Network Open da un team dello University of Houston College of Pharmacy che ha analizzato gli effetti di SER-109 su pazienti colpiti da infezioni ricorrenti del batterio.
Gli antibiotici utilizzati per il contrasto dell'infezione hanno l'effetto immediato di eliminare i sintomi attraverso la riduzione dei batteri produttori di tossine, ma l'efficacia a lungo termine rimane bassa perch├ę i farmaci non riescono a cancellare del tutto le spore dormienti di Clostridium difficile. Inoltre, non risolvono le disfunzioni del microbioma, la causa vera alla base della malattia ricorrente.
SER-109 ├Ę una pillola contenente spore batteriche di Firmicutes vive e purificate, progettata per competere metabolicamente con C. difficile e ripristinare la resistenza alla colonizzazione da parte del batterio nocivo.
┬źIn questa analisi esplorativa i pazienti trattati con SER-109 hanno avuto miglioramenti significativamente maggiori nei punteggi della qualit├á della vita correlata alla salute (HRQOL) rispetto a quelli trattati con placebo gi├á alla prima settimana, con continui miglioramenti costanti e duraturi entro l'ottava settimana┬╗, afferma Kevin Garey, primo autore dello studio.
Il trattamento ├Ę stato testato su 182 adulti affetti da Clostridium difficile, ai quali ├Ę stato somministrato un questionario sulla qualit├á della vita. ├ł emerso un miglioramento nei punteggi del dominio e del sottodominio mentale nell'ottava settimana dello studio nei pazienti che assumevano SER-109, indipendentemente dall'esito clinico.
┬źDiverse ipotesi interessanti derivano da questa nuova osservazione, che potrebbe essere correlata al ruolo potenziale del microbioma nei disturbi legati all'asse intestino-cervello. Il Clostridium difficile ├Ę stato infatti associato a variazioni del microbioma che sono state collegate a vari disturbi dell'umore, tra cui ansia e depressione┬╗, conclude Garey.

Fonte: JAMA Network Open 2023. Doi: 10.1001/jamanetworkopen.2022.53570
Jama Network Open

13/02/2023 11:34:00 Andrea Sperelli


Notizie correlate