Quando lo sport fa male al cuore

Nei giovani predisposti può aumentare il rischio cardiaco

Uno studio apparso su Circulation dimostra che l'esercizio fisico può amplificare il rischio cardiaco in soggetti geneticamente predisposti che presentano una riduzione della frazione di eiezione (FE).
«Alla luce di questi dati è possibile ipotizzare che una predisposizione genetica può essere amplificata dall'esercizio fisico fino a causare modifiche significative del cuore sia anatomiche sia funzionali», spiega il coordinatore dello studio André La Gerche, direttore del Laboratorio HEART all'Istituto di ricerca medica di St. Vincent a Fitzroy in Australia.
Lo studio ha valutato prevalenza, conseguenze cliniche e predisposizione genetica alla ridotta FE in 281 giovani atleti (etĂ  media 22 anni, 79,7% maschi) reclutati da programmi di allenamento professionali.
I partecipanti sono stati sottoposti a fenotipizzazione cardiaca, analisi genetiche e durante un follow-up medio di 4,4 anni sono stati registrati eventuali eventi clinici rilevanti.
I risultati mostrano che il 15,7% degli atleti aveva una ridotta FE ventricolare sinistra, destra o entrambe, associata a un aumentato numero di battiti prematuri ventricolari e a una deformazione longitudinale della parte inferiore del ventricolo sinistro. Inoltre, i partecipanti con FE ridotta mostravano un aumentato volume telesistolico ventricolare sinistro, un parametro che spesso si associa alla presenza di una cardiomiopatia dilatativa.
Nel corso del follow-up nessun atleta ha sviluppato insufficienza cardiaca sintomatica o aritmie e due giovani atleti sono morti, uno per trauma e uno per morte cardiaca improvvisa, quest'ultimo con una ridotta FE ventricolare destra e un aumento del volume telesistolico del ventricolo sinistro. «Il riscontro di una FE ridotta in un atleta professionista può essere considerato parte dello spettro fenotipico piuttosto che un indicatore di malattia. Ciononostante, i marcatori genetici e di imaging possono aiutare a identificare gli atleti per i quali può essere appropriato un follow-up accurato a lungo termine», conclude La Gerche.

Fonte: Circulation 2023. Doi: 10.1161/CIRCOLAZIONEAHA.122.063777
Circulation

16/01/2024 09:47:02 Andrea Sperelli


Notizie correlate