Gli insulti danno una scossa al cervello

Sono molto più rilevanti dei complimenti ricevuti

Se ci fanno un complimento lo accettiamo volentieri, ma il suo effetto sarà relativo e temporaneo. Al contrario, un insulto ha un effetto molto più rilevante per il nostro cervello, che tenderà a ricordarlo con maggior decisione di quanto faccia con i complimenti ricevuti.
A scoprirlo è una ricerca dell'Università di Utrecht pubblicata su Frontiers in Communication. I ricercatori olandesi guidati da Marijn Struiksma hanno piazzato degli elettrodi su 80 donne che hanno ricevuto insulti o complimenti da una persona virtuale, registrando la loro conduttanza elettrica della pelle.
È così emerso che la risposta cerebrale agli insulti è primariamente attivata nelle aree frontali nel giro di una frazione di secondo, anche quando l'insulto è diretto ad altre persone. Quando ascolta un insulto, il cervello entra in una condizione di disturbo che rimane alta per lunghi periodi di tempo.
«Il nostro studio non ha chiarito se a catturare così fortemente l'attenzione del cervello sia lo specifico significato emotivo delle parole oppure la riattivazione di memorie di esperienze passate», Marijn Struiksma, coordinatrice dello studio. «Ma qualunque sia l'aspetto degli insulti che cattura l'attenzione, certamente lo fa in maniera decisamente robusta».
Anche se allo studio hanno partecipato solo donne, gli autori sono convinti che il cervello maschile non presenti differenze sostanziali in questo tipo di risposta.

26/09/2022 15:13:13 Andrea Sperelli


Notizie correlate