Nuovi anticorpi per sconfiggere l’Hiv

Approccio innovativo per la cura dell’infezione

Il trattamento dell’infezione da Hiv passa per l’adozione di una nuova generazione di anticorpi. A ricordarlo sono due pubblicazioni di ricercatori dello University Hospital di Colonia e del German Center for Infection Research (DZIF), in collaborazione con i colleghi della Rockefeller University di New York, su Nature e Nature Medicine.
«I risultati di questo studio clinico evidenziano il potenziale per le combinazioni di anticorpi per mantenere il controllo a lungo termine dell'HIV», dice Henning Grüll, dello University Hospital di Colonia, che ha preso parte a entrambe le pubblicazioni.
Il virus sviluppa presto una resistenza nei confronti dei farmaci, per questo è necessaria una combinazione di antiretrovirali e una somministrazione giornaliera per tutta la vita.
Gli anticorpi ampiamente neutralizzanti di nuova generazione, però, offrono un’emivita più lunga e hanno come obiettivo diretto il virus. Due di questi anticorpi - 3BNC117 e 10-1074 - somministrati singolarmente, sono stati ben tollerati e hanno portato a significative riduzioni della carica virale. Tuttavia, la singola somministrazione è stata subito associata allo sviluppo della resistenza virale.
I ricercatori hanno quindi analizzato gli effetti di una combinazione degli anticorpi su un piccolo gruppo di 30 soggetti affetti da Hiv.
Gli anticorpi, somministrati fino a 3 volte per individuo, sono state ben tollerate da tutti i partecipanti. Nel gruppo di partecipanti con infezione da Hiv che non assumevano farmaci antiretrovirali all'inizio dello studio, la combinazione di anticorpi ha portato a riduzioni sostanziali della carica virale.
In un secondo gruppo, la combinazione è stata somministrata a soggetti che avevano interrotto il trattamento precedente a base di antiretrovirali regolari.
Di solito, questa interruzione comporta un rapido ritorno dell’Hiv nel sangue, ma in molti partecipanti il fenomeno non è stato verificato per diversi mesi dopo l’ultima infusione di nuovi anticorpi.

12/10/2018 16:40:00 Andrea Sperelli

Notizie correlate

Hiv, donna guarisce senza farmaci

  • È il secondo caso registrato di virus eliminato naturalmente
    (Continua)




Nuovo anticorpo contro l’Hiv

  • Aderisce alle cellule CD4 ostacolando l’ingresso del virus
    (Continua)




Hiv, buone notizie per il vaccino Tat

  • La risposta immune alla proteina Tat fondamentale per i pazienti cronici
    (Continua)




Hiv, primo uomo curato dai farmaci

  • In remissione da un anno solo con un cocktail di antiretrovirali
    (Continua)




Hiv, nuova terapia con una sola compressa

  • Due farmaci in uno per aumentare l’aderenza terapeutica
    (Continua)




Nuovo vaccino per l’Hiv

  • Sembra funzionare e potrebbe rivelarsi utile anche per Covid-19
    (Continua)




Hiv, terapia più semplice grazie a una sola compressa





Hiv, un trapianto di staminali lo cancella





Il comportamento sessuale influenza il microbioma





Hiv, c’è un vaccino per i bambini

  • Parte la sperimentazione guidata da ricercatori italiani
    (Continua)




Nuovi anticorpi per sconfiggere l’Hiv





Hiv, la terapia va iniziata subito

  • Le nuove linee guida anticipano il ricorso agli antiretrovirali
    (Continua)




C'è un nuovo vaccino contro l'Hiv





La vita segreta dell’Hiv

  • Ricerca scopre come individuare il virus nella fase di latenza
    (Continua)




Hiv, l’aggressività dipende dal microbioma

  • La gravità dell’infezione è legata a condizioni soggettive
    (Continua)




Le staminali per curare l’Hiv





Hiv, scoperto nuovo meccanismo di diffusione

  • Studio italiano aggiunge un tassello alla ricerca della verità
    (Continua)




Hiv, ecco perché non “molla” il sistema immunitario

  • Il virus causa alterazioni genetiche in alcune cellule
    (Continua)




Hiv, rivoluzione nelle terapie

  • Dalla somministrazione giornaliera a sole 6 dosi all’anno
    (Continua)