Le apnee favoriscono la polmonite

Associazione fra il disturbo del sonno e l'infezione

Chi soffre di apnee notturne rischia pi├╣ degli altri l'insorgenza della polmonite. Lo rivela uno studio pubblicato sul Canadian Medical Association Journal da un team del Taipei Veterans General Hospital di Taiwan.
I ricercatori asiatici hanno coinvolto oltre 34mila pazienti seguendoli per 11 anni, riscontrando un maggior tasso di polmonite nelle persone che soffrivano di apnea notturna rispetto al gruppo di controllo, 9,36 per cento contro il 7,77.
Le persone affette da polmonite erano pi├╣ anziane e affette anche da malattie cardiache, diabete e demenza. ÔÇťQuesto studio ha mostrato che l'apnea notturna e' un fattore di rischio indipendente per l'incidenza della polmonite", spiega Vincent Yi-Foung Su, fra gli autori della ricerca.
Una possibile spiegazione alla presenza del nesso potrebbe essere il maggior rischio dei pazienti affetti da apnee di aspirare liquidi dalla gola durante la notte.
L'apnea notturna ostruttiva ├Ę un disturbo caratterizzato dall'ostruzione delle vie respiratorie a intermittenza, circa 60 volte all'ora durante il sonno, che impedisce al cervello di ricevere la giusta quantit├á di ossigeno, nonch├ę a chi ne soffre di riposare bene.
Oggi esistono misure terapeutiche come l'ausilio di una maschera ad ossigeno da indossare prima di coricarsi che provvede a mantenere sempre aperte le vie respiratorie.
├ł stato riscontrato che pazienti con apnea notturna soffrono di sonnolenza, in quanto non riposano adeguatamente nelle ore di sonno e inoltre presentano deficit cognitivi.
Oltre alla terapia con la maschera anche una dieta potrebbe aiutare chi soffre di questo disturbo.

Arturo Bandini


Notizie correlate