Imaging a risonanza magnetica: innovazioni per medici

L'ausilio della tecnologia nella diagnostica

Avere a disposizione strumenti diagnostici sempre aggiornati e al passo con le nuove possibilità offerte dalla tecnologia è essenziale. Lo è per l'equipe medica, perché grazie a nuovi strumenti si possono ottenere diagnosi più rapide e affidabili; lo è anche per il paziente, perché le innovazioni migliorano la sua esperienza quando viene sottoposto ad alcune tipologie di esami diagnostici. Le apparecchiature per la risonanza magnetica sono particolarmente rilevanti in questo contesto.

Le ultime innovazioni nel campo della risonanza magnetica Risonanza magnetica Smart


Il successo degli ultimi macchinari per imaging a risonanza magnetica deriva dal fatto che sono stati progettati per essere “Smart” e rendere più efficiente il lavoro dei medici con tecnologie e macchinari all'avanguardia che rendano agili i flussi di lavoro. La richiesta di esami di risonanza magnetica, infatti, è sempre crescente e il personale in grado di eseguirlo risulta continuamente sovraccaricato.
Queste apparecchiature offrono un maggiore comfort per il paziente, ad esempio tramite dei macchinari aperti che riducono lo stress dei pazienti claustrofobici, e la possibilità di effettuare la risonanza magnetica in tempi più brevi, velocizzando al massimo i tempi di acquisizione delle immagini. Grazie, infatti, ai più moderni e confortevoli macchinari per la risonanza magnetica aperta, molti più pazienti hanno sostenuto l'esame mantenendo la posizione corretta ed evitando la necessità di ripeterlo.
Un'altra importante innovazione in questo campo è da attribuire all'introduzione della connettività da remoto che, oltre a ridurre le tempistiche per l'esecuzione dell'esame, permette di controllare 24 ore su 24 più di 500 parametri tecnici del macchinario e consente ai medici di ridurre i tempi di lavoro e accumulare minore stress. Le nuove tecnologie premettono inoltre di sfruttare l'analisi predittiva per identificare eventuali guasti o malfunzionamenti dell'hardware. In questo modo l'intervento di manutenzione può essere effettuato tempestivamente, avendo un forte impatto sia sui costi di riparazione che sulle tempistiche. Grazie a questo sistema di monitoraggio predittivo, una parte degli eventi che in precedenza causavano l'interruzione di un esame di imaging a risonanza magnetica e di conseguenza disagio a medici e pazienti, vengono risolti da remoto.
Inoltre, anche nel campo della risonanza magnetica emerge la tendenza a progettare macchinari attenti alla sostenibilità. È stata sviluppata, ad esempio, una nuova tecnologia di raffreddamento, che richiede una quantità di elio liquido inferiore rispetto ai volumi finora utilizzati. Questa piccola quantità viene inserita direttamente nel magnete durante la fabbricazione e poi sigillata. Di conseguenza, non sono possibili fuoriuscite1, né improvvise, in caso di una perdita di campo, né graduali, e si evitano preoccupazioni per i potenziali problemi correlati all'elio, tra cui anche la necessità di reintegrarlo con appositi interventi di manutenzione, che causerebbero la temporanea indisponibilità del macchinario.

Le proposte di Philips

Tra le aziende che stanno puntando sullo sviluppo di questi macchinari innovativi vale la pena di menzionare Philips, che con le sue innovazioni ha mirato a semplificare, velocizzare e rendere più confortevole e meno stressante questo tipo di esame diagnostico, innovando continuamente la propria tecnologia. Philips riveste un ruolo primario nel campo dell'imaging a risonanza magnetica e l'azienda, leader nel settore dell'Health Technology, mette a disposizione degli operatori sanitari un portafoglio all'avanguardia per supportarli nel determinare diagnosi affidabili in tempi celeri, a beneficio dei pazienti.
L'obiettivo che Philips si è posta è proprio quello di migliorare la salute e il benessere delle persone, puntando su un'innovazione tecnologica e una digitalizzazione dei sistemi sanitari che non dimentichino di mettere al centro le persone e le loro esigenze, in un sistema di cure connesse e in continua evoluzione. Le soluzioni Philips, infatti, sono pensate per essere integrate nei flussi di lavoro, rendendoli così più efficienti ed efficaci, e grazie al potere dei dati e dell'intelligenza artificiale garantiscono anche una migliore esperienza per pazienti e operatori sanitari.
28/04/2022 09:50:37 Andrea Sperelli


Notizie correlate