Cambio di stagione: 4 consigli per affrontarlo al meglio

I consigli per un corretto transito intestinale

L'autunno è arrivato e con lui i primi freddi e le giornate più brevi. Molte persone proprio in questo periodo dell'anno avvertono diversi disturbi, correlati proprio al cambio di stagione: stanchezza e spossatezza per gran parte della giornata, difficoltà a digerire, problemi intestinali, insonnia. Per alleviare il presentarsi di questi sintomi è possibile approfittare di alcuni accorgimenti, che aiutano il nostro organismo ad adattarsi più rapidamente all'arrivo dell'autunno, alle giornate che si accorciano e al clima più fresco.
1 L'alimentazione
Quando i problemi correlati al cambio di stagione sono soprattutto a carico dell'apparto digerente possiamo porvi rimedio con l'alimentazione. Come avviene anche per il resto dell'anno, il consumo di frutta e verdura di stagione aiuta a mantenere il nostro intestino in piena salute. Da un lato ci offre tutte le fibre, le vitamine e i minerali di cui abbiamo bisogno; dall'altro gli alimenti vegetali mantengono in salute anche il nostro microbiota intestinale, quell'insieme di batteri che ci aiutano nella digestione. Occasionalmente possiamo alleviare i problemi intestinali utilizzando anche medicinali che aiutano il transito intestinale, come Laevolac.
2 Vita all'aria aperta
Dopo l'estate spesso i piccoli sintomi correlati all'arrivo dell'autunno sono dovuti al fatto che si trascorre molto meno tempo all'aperto. Soprattutto per chi al cambio di stagione soffre di sbalzi d'umore, insonnia o sonnolenza, l'esporsi alla luce solare diretta e la vita all'aperto sono veri e propri toccasana. Per altro questo è il periodo perfetto per godersi il foliage, il colore acceso delle foglie delle piante, particolarmente piacevole nei boschi e nei parchi di tutta la penisola. Ricordiamoci che il clima è leggermente più fresco, quindi portiano con noi almeno una giacchetta antivento ed evitiamo di organizzare passeggiate troppo lunghe, che potrebbero costringerci a muoversi all'aperto dopo il calar del sole.
3 Attività fisica sempre
Come l'invito a consumare più frutta e verdura, anche quello di praticare dell'attività fisica è sempre valido e particolarmente utile. Aiuta l'umore, stimola la voglia di fare e limita il presentarsi di momenti di spossatezza immotivata. Ognuno ha poi le proprie predilezioni, c'è chi ama andare in piscina due volte a settimana, chi preferisce uno sport di squadra o le passeggiate serali. Non esiste un'attività fisica più adatta rispetto ad altre a rendere più veloce l'adattamento del nostro corpo al cambio di stagione. Ciò che importa è più che altro abituarsi a praticare un'attività fisica con regolarità, almeno due volte a settimana.
4 L'importanza del sonno
Le giornate che si accorciano e il clima meno piacevole portano molti a modificare il proprio ritmo del sonno. Al mattino alzarsi presto diventa a volte difficile, così come prendere sonno la sera. Si innesca quindi un circolo vizioso: si va a letto prima la sera e nel cuore della notte ci si sveglia improvvisamente; oppure ci si concede un pisolino dopo cena e poi non si riesce più a dormire. Per evitare questo tipo di comportamento cerchiamo di mantenere le nostre abitudini estive; andiamo a letto più o meno sempre alla stessa ora, evitando i pisolini. Allo stesso modo cerchiamo di dormire almeno 7 ore a notte, il sonno arriva più rapidamente se si evita l'utilizzo di dispositivi elettronici mentre si è già a letto.

01/10/2022


Notizie correlate