Chemioterapia, alleato insospettabile del cancro?

Ricerca americana getta ombre sull'efficacia dei trattamenti standard

Tumori_11263C.jpg
Keywords | tumore, chemioterapia, proteina,

Una ricerca choc mette in agitazione la comunità scientifica internazionale. Uno studio appena pubblicato su Nature rivela che la chemioterapia, ovvero il trattamento standard utilizzato per il cancro, potrebbe in realtà trasformarsi in un alleato del tumore. Nello specifico, la chemio stimolerebbe la secrezione di una proteina che aiuta il tumore a svilupparsi e a sviluppare una sorta di immunità nei confronti di ulteriori cicli di trattamenti.
La scoperta nasce da uno studio volto a indagare la natura delle cellule tumorali del cancro alla prostata, e in particolare la loro particolare resistenza che si manifesta all'interno del corpo umano, mentre in laboratorio vengono eliminate facilmente.
I ricercatori hanno analizzato gli effetti prodotti dalla chemioterapia su tessuti di pazienti affetti dalla malattia, scoprendo evidenti danni al Dna delle cellule sane che si trovavano attorno all'area colpita dal cancro. Per qualche ragione, in risposta alla chemio le cellule sane producevano una quantità maggiore della proteina WNT16B, che favorisce appunto lo sviluppo delle cellule corrotte.
Uno degli autori della ricerca, Peter Nelson del Fred Hutchinson Cancer Research Center di Seattle, nello stato di Washington, spiega: “la scoperta che l'aumento della WNT16B interagisce con le vicine cellule tumorali facendole crescere, propagare e, più importante di tutto, resistere ai successivi trattamenti anti-tumorali era del tutto inattesa".
Del resto, la scoperta è in linea con uno degli elementi più ricorrenti nei casi di cancro, vale a dire la capacità del tumore di ripresentarsi dopo un primo ciclo di chemio apparentemente efficace ancora più aggressivo di prima.
"I nostri risultati indicano che il danno nelle cellule benigne può direttamente contribuire a rafforzare la crescita 'cinetica' del cancro", spiegano gli autori, che in realtà non intendono suggerire l'abbandono della chemio come opzione terapeutica, ma un suo perfezionamento: “ad esempio un anticorpo alla WNT16B, assunto durante la chemio, potrebbe migliorare la risposta uccidendo più cellule tumorali. In alternativa si potrebbero ridurre le dosi della chemio".
Domanda al medico specialista gratis

Andrea Piccoli
06/08/2012



Condividi la notizia Invia ad un amico Condividi la notizia su Facebook Tieniti aggiornato tramite RSS Pubblica su Twitter Salva su OKNO

Notizie correlate


Più lette

I segni che indicano la morte imminente in oncologia  80802
Studio evidenzia la comparsa di segni fisici nei malati di cancro

Tecnologia spaziale contro la sclerosi multipla  79728
L'esperienza di Samantha Cristoforetti potrebbe rivelarsi utile alla causa

Sclerosi multipla, alterato il metabolismo cellulare  74879
Lo squilibrio energetico nelle cellule nervose è la chiave per nuove terapie

Sclerosi multipla, metabolismo e linfociti T umani  72391
Ricerca italiana rivela il meccanismo molecolare alla base del rapporto

Dagli States arriva il Woga  66627
Yoga in acqua per rilassarsi

Sclerosi, novità sulla sicurezza di fingolimod  63268
Intanto uno studio rivela i motivi della sua efficacia

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

ADD BOOKMARK

ai preferiti di salute

Abbonati ai Feed Rss Mailing List Di OKMEDICNA.IT, gli ultimi aggiornamenti 
              sulla salute e la medicina La Pubblicità su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante

Avvertenze Privacy a norma Regolamento UE 2016/679 GDPR.