La stadiazione dei tumori

Serve a capire il grado di diffusione della neoplasia

L'espressione ‚Äúavere un tumore‚ÄĚ ha un ventaglio di significati molto ampio. La gravit√† della malattia, infatti, √® strettamente correlata alla diffusione della neoplasia nell'organismo, e per stabilirne le dimensioni si applica il concetto di stadiazione.
La stadiazione è un modo per descrivere in maniera schematica, rigorosa e standardizzata quanto è grande un tumore e quanto si è diffuso a partire dalla sede originale.
Le cellule tumorali hanno un comportamento molto diverso dalle cellule sane. Crescono e si moltiplicano in maniera incontrollata, senza terminare il proprio ciclo di vita come e quando dovrebbero. Formano così una massa tumorale che, a differenza di un tessuto sano, cresce senza limiti, senza riconoscere confini attorno a sé. Inoltre le cellule di un tumore possono staccarsi e migrare dalla massa iniziale, raggiungendo attraverso il sistema linfatico o il flusso sanguigno altre parti del corpo e dando origine a metastasi.
Lo sviluppo e la diffusione di un tumore possono richiedere un tempo anche piuttosto lungo, nel quale le cellule accumulano sempre pi√Ļ alterazioni e via via si differenziano da quelle di origine. La stadiazione aiuta a stabilire in quale fase di questo processo si trova il tumore, quanto √® grande e diffuso; rappresenta quindi un aspetto fondamentale che permette di definire la diagnosi, poich√© da queste caratteristiche pu√≤ dipendere sia la prognosi della malattia sia i tipi di trattamento pi√Ļ appropriati da somministrare.
Se il tumore √®, per esempio, localizzato in una sola sede ed √® di piccole dimensioni, un trattamento locale come la chirurgia o la radioterapia pu√≤ risultare curativo. Nei casi in cui, invece, sia esteso ad altre sedi, un intervento a livello locale normalmente non basta e pu√≤ essere necessario ricorrere a trattamenti sistemici, in grado di produrre effetti in tutto l'organismo, come la chemioterapia, la terapia ormonale o altri trattamenti farmacologici pi√Ļ recenti (per esempio le terapie a bersaglio molecolare o l'immunoterapia).
Come si misura lo stadio di un tumore?
Esistono diversi sistemi con cui i clinici descrivono lo stadio di un tumore. Si tratta di metodi che evolvono nel tempo via via che crescono le conoscenze sulla malattia e migliorano le tecniche per la diagnostica strumentale.
Al di là di differenze e specificità, quasi tutti i sistemi di stadiazione rilevano:

- Le dimensioni del tumore primitivo;
- Il coinvolgimento metastatico dei linfonodi, quando cellule tumorali sono migrate ai linfonodi tramite il sistema linfatico;
- la presenza (e il numero) di metastasi a distanza, cioè di cellule tumorali migrate tramite il sangue dalla sede primaria in altri organi.

Dalla combinazione di questi elementi si può ricavare una descrizione dettagliata del tumore e della sua estensione.

Come interpretare la stadiazione?
Nella cartella clinica, la stadiazione di un tumore √® indicata tramite una sigla composta il pi√Ļ delle volte da lettere e numeri, e inoltre specifica per il sistema di classificazione utilizzato.
Il pi√Ļ comune √® il cosiddetto sistema TNM, acronimo inglese di ‚ÄúTumor, Node, Metastasis‚ÄĚ. A ciascuna lettera √® in genere associato un numero.
La lettera T si riferisce alla dimensione del tumore primario e la scala va da 1, che identifica i tumori pi√Ļ piccoli, a 4 per quelli pi√Ļ grandi. Esiste anche la sigla T0, quando il tumore primario non √® evidenziabile.
La lettera N indica se la neoplasia è estesa ai linfonodi. Può essere seguita da un numero che va da 0 (nessun linfonodo coinvolto) a 3 (molti linfonodi coinvolti). Questo parametro serve anche a comprendere, oltre alla quantità di linfonodi colpiti, anche alcune caratteristiche morfologiche della neoplasia e la distanza dal tumore primitivo.
La lettera M, che sta per metastasi, può avere valore 0 (se il tumore è rimasto circoscritto alla sua sede primaria) o 1 (quando il tumore si è diffuso ad altre parti del corpo).
√ą un sistema semplice ma articolato, che pu√≤ essere integrato con l'aggiunta di ulteriori lettere e di relativi valori numerici.
Nel caso del tumore al polmone, per esempio, non è raro che per descrivere la presenza di metastasi si usino le sigle M1a e M1b. La prima indica che le metastasi sono presenti e localizzate solo nel polmone controlaterale, mentre la seconda denota che le metastasi sono diffuse in altre aree del corpo. Nel caso del cancro al colon-retto, la sigla M1 indica la metastasi in una singola area (oltre al tumore primario), mentre M1b la metastasi in due aree. Per le fasi iniziali di tumori epiteliali, la sigla Tis (dal latino in situ) viene usata per indicare un carcinoma ancora contenuto all'interno dell'epitelio, quindi non ancora invasivo e perciò potenzialmente curabile solo con l'asportazione completa.
Il sistema TNM non è l'unico a essere impiegato nella stadiazione del cancro. Ne esistono molti altri che, però, in genere vengono utilizzati soltanto per specifici tipi di tumori, come quelli cerebrali o del sangue.
Dalla combinazione dei tre fattori (T, N e M) e dei loro valori numerici si possono identificare anche gli stadi di diffusione e sviluppo: dallo zero, proprio del carcinoma in situ, fino al quarto, quando le metastasi del tumore hanno raggiunto aree distanti dalla localizzazione primaria.

12/05/2023 17:00:00 Andrea Sperelli


Notizie correlate