Esofagite eosinofila, efficace dupilumab

Miglioramenti significativi di segni e sintomi

Varie_4471.jpg

I risultati di un secondo studio di fase 3 che ha valutato l'uso sperimentale di dupilumab in pazienti con esofagite eosinofila (EoE) di etĂ  pari o superiore ai 12 anni hanno dimostrato che lo studio ha raggiunto i suoi endpoint co-primari nei pazienti a cui vengono somministrati 300mg di dupilumab a settimana. Questo rappresenta un miglioramento significativo in termini di misure cliniche (Dysphagia Symptom Questionnaire) e istologiche della malattia rispetto al placebo.
L'esofagite eosinofila (EoE) è una patologia infiammatoria cronica e progressiva che danneggia l'esofago e ne impedisce il corretto funzionamento. Nel tempo, un’eccessiva infiammazione di tipo 2 può causare fibrosi e restringimento del lume dell’esofago, rendendo difficile la deglutizione. Nel settembre 2020, la FDA ha conferito la designazione di Breakthrough therapy a dupilumab per il trattamento di pazienti con EoE di ...  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | esofagite, eosinofila, dupilumab,

Notizie correlate













































































Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it
ADD BOOKMARK

ai preferiti di salute

Abbonati ai Feed Rss Mailing List Di OKMEDICNA.IT, gli ultimi aggiornamenti 
              sulla salute e la medicina La Pubblicitŕ su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante

Avvertenze Privacy a norma Regolamento UE 2016/679 GDPR.


Questa pagina è stata letta 119479 volte