Torna la peste bubbonica

Registrato un caso negli Stati Uniti

Non pu├▓ pi├╣ essere definita peste nera, ma si tratta della stessa malattia. Negli Stati Uniti, un uomo ├Ę stato infettato dal batterio Yersinia pestis, proprio quello che 7 secoli fa provoc├▓ un disastro demografico di proporzioni inaudite in Europa, uccidendo pi├╣ di un terzo dei suoi abitanti.
Ora la malattia fa certamente meno paura grazie agli antibiotici, ma ├Ę sempre bene tenere alta la guardia. L'uomo ├Ę stato infettato dal suo gatto, che ha probabilmente portato a casa le pulci infette che hanno contagiato l'uomo. L'alternativa ├Ę che il soggetto sia stato contagiato attraverso fluidi corporei. Sottoposto a terapia antibiotica, l'uomo si ├Ę ripreso bene.
La peste bubbonica ├Ę la forma pi├╣ comune della malattia. ├ł chiamata cos├Č perch├ę le ghiandole linfatiche si ingrossano trasformandosi in bubboni che poi possono evolvere in piaghe aperte e purulenti. Se non curata - e gli uomini del ...  (Continua) leggi la 2° pagina

Notizie su: peste, bubbonica, batterio,

Notizie correlate


La ferroptosi dietro i casi gravi di Covid Possibili nuovi target terapeutici grazie alla scoperta





Covid, la nuova variante KP.2 Non risponde ai vaccini come le precedenti





Vaccino da rotavirus, pochi i rischi in terapia intensiva Studio americano ha valutato il rischio di trasmissione del virus





Le ragioni dietro all'epidemia di streptococco La recrudescenza degli ultimi anni sembra legata a un debito immunologico





Covid, come cambia la risposta ai vaccini Ogni soggetto risponde in maniera pi├╣ o meno efficace





Covid, il problema dell'olfatto Molti pazienti sperimentano una persistente disfunzione olfattiva





Gonorrea, alla ricerca di nuovi anticorpi monoclonali Un modello inedito che combina microscopia confocale e IA





Primo caso di virus B trasmesso dalle scimmie Uomo aggredito da un branco in un parco rimane infettato





Una cura pi├╣ efficace per le infezioni urinarie complicate Cefepime-taniborbactam pi├╣ efficace di meropenem





Long Covid, il virus pu├▓ rimanere pi├╣ di 1 anno Individuati frammenti del virus nel circolo sanguigno e nei tessuti





Long Covid, linee guida per il follow up Le azioni da intraprendere per contrastare l'onda lunga dell'infezione





Covid, meglio i vaccini monovalenti Mostrano maggiore adattabilità alle nuove mutazioni





Covid, 4 anni dopo L’infezione pare sotto controllo ma i vaccini sono ancora importanti





Covid, Paxlovid da evitare se si usano immunosoppressori Rischio di effetti gravi a causa dell'interazione farmacologica





Nuovo vaccino contro l'Hpv In fase di sviluppo un nuovo preparato contro il Papilloma virus umano





Covid, i linfociti T proteggono anche senza anticorpi Dimostrata l'immunità prolungata rispetto al virus





Nuove linee guida sul trapianto del microbioma Efficace nella prevenzione delle recidive





Remdesivir utile contro Covid-19 Nuovi dati associano il farmaco a rischi inferiori di Long Covid





Long Covid, implicata la barriera emato-encefalica L’infiammazione dell’area alla base del fenomeno della brain fog