(2° pagina) (Torna alla 1° pagina..) a contratto alla Temple University di Philadelphia - è che per tutti e tre gli studi analizzati non ci sono evidenze sufficienti per far ritenere che queste tre terapie siano realmente in grado di migliorare la sopravvivenza dei pazienti con Mpm. I biostatistici in Israele che hanno analizzato i dati hanno ricostruito le curve di sopravvivenza dei tre studi e applicato un'analisi approfondita di tutti i risultati. Questo - sottolinea in particolare Mutti - ha fatto emergere che la sopravvivenza con l'ultima terapia proposta per questa neoplasia (immunoterapia ipilimumab/nivolumab) si sovrappone perfettamente a una di quelle ottenute con precedenti terapie già utilizzate, come platino/pemetrexed/bevacizumab. Ogni nuova terapia proposta per il mesotelioma dovrebbe essere comparata con la combinazione ritenuta finora più efficace, ovvero la terapia che include il farmaco bevacizumab associato con chemioterapia, anziché la sola chemioterapia. A sua volta la ricostruzione delle curve di sopravvivenza ottenute con chemioterapia associata a bevacizumab non ha fornito alcuna evidenza di maggiori benefici rispetto alla sola chemioterapia, e questo getta un'ulteriore ombra sull'efficacia di tutte e tre le terapie proposte".
"Le sperimentazioni cliniche sono condotte in condizioni artificiali, che raramente corrispondono a ciò che accade nel mondo reale - osserva Antonio Giordano, ordinario di Anatomia patologica nel Dipartimento di Biotecnologie mediche dell'università di Siena, presidente Shro e docente alla Temple University - Il tipo di pazienti selezionati è spesso in condizioni cliniche significativamente migliori, quindi con miglior prognosi anche senza terapia, rispetto ai pazienti che si trovano nella realtà".
Anche i risultati sulla sopravvivenza appaiono poco solidi. “È emerso infatti che nei tre trial sui quali si basano le attuali terapie per il mesotelioma, lo spostamento anche di una piccolissima percentuale di pazienti da un braccio all'altro di ciascuno studio determina la perdita di significatività statistica dei dati sulla sopravvivenza dei pazienti trattati con il nuovo farmaco rispetto ai pazienti trattati con i farmaci di controllo. Analogo effetto negativo sull'affidabilità dei trial analizzati deriva dal numero dei pazienti arbitrariamente esclusi dagli sperimentatori nell'analisi finale dei risultati, meccanismo che prende il nome di censura. In particolare, il numero dei casi 'censurati' nello studio che testato l'efficacia di ipilimumab e nivolumab è davvero troppo elevato e tale - rimarcano gli scienziati - da determinare un ulteriore punto critico di debolezza dei risultati ottenuti".
"La nostra analisi - precisano Giordano e Mutti - affronta questioni chiave in oncologia clinica: in primis, quanto dobbiamo fidarci dei risultati di grandi studi clinici sponsorizzati? Quando il beneficio ottenuto è reale? Quanto è rilevante il cattivo disegno di questi studi, ad esempio nella scelta del braccio di controllo o nella selezione dei pazienti da trattare con la terapia sperimentale? La questione da valutare - concludono gli autori - è se i pochi miglioramenti ottenuti in varie neoplasie, in particolare con l'immunoterapia, siano davvero clinicamente rilevanti e aumentino davvero la sopravvivenza dei pazienti. Tanta strada c'è da fare, ma è anche uno stimolo per una maggiore ricerca preclinica e la progettazione di studi clinici condotti in modo rigoroso".
10/03/2022


Puoi fare una domanda agli specialisti del forum e iscriverti alla newsletter, riceverai le notizie più importanti.

Notizie correlate

Perché molti tumori sono resistenti alle terapie?

  • Perché molti tumori sono resistenti alle terapie? Le risposte possono arrivare anche dai modelli matematici
    (Leggi)


Il sonno aiuta il cancro al seno a crescere

  • Il sonno aiuta il cancro al seno a crescere Le metastasi si formano soprattutto durante il riposo notturno
    (Leggi)


Nuova terapia per i tumori con mutazione BRAF600E

  • Nuova terapia per i tumori con mutazione BRAF600E Uso combinato di dabrafenib e trametinib
    (Leggi)


Cancro, nuova terapia con neutroni

  • Cancro, nuova terapia con neutroni Trattamento sperimentale con fasci di neutroni
    (Leggi)


Tumore del retto e dell’endometrio, efficace dostarlimab

  • Tumore del retto e dell’endometrio, efficace dostarlimab Gli studi dimostrano le potenzialità dell’anti-PD-1
    (Leggi)


Tumori surrenalici, maggiori rischi per le donne giovani

  • Tumori surrenalici, maggiori rischi per le donne giovani Potrebbero beneficiare di una normalizzazione del cortisolo
    (Leggi)


Il blocco dell’interleuchina migliora l’immunoterapia

  • Il blocco dell’interleuchina migliora l’immunoterapia Ridotti gli eventi avversi immuno-correlati
    (Leggi)


Trattamenti estetici nei pazienti oncologici

Tumore dell’endometrio, lo causano chili di troppo e ormoni

  • Tumore dell’endometrio, lo causano chili di troppo e ormoni Cancro ginecologico più frequente dopo quello al seno
    (Leggi)


Cancro, il ruolo di salute orale e impianti

Tumori, noto solo 1 portatore di sindromi ereditarie su 10

  • Tumori, noto solo 1 portatore di sindromi ereditarie su 10 Fondamentale favorire l’accesso ai test genetici e genomici
    (Leggi)


Chi fuma sigarette elettroniche rischia il cancro al naso

  • Chi fuma sigarette elettroniche rischia il cancro al naso Naso esposto a maggiori esalazioni di sostanze nocive
    (Leggi)


Olaparib approvato per cancro della prostata e dell’ovaio

  • Olaparib approvato per cancro della prostata e dell’ovaio Le mutazioni genetiche guidano la scelta della terapia mirata
    (Leggi)


Nanoparticelle invisibili contro i tumori

  • Nanoparticelle invisibili contro i tumori Nuovo tipo di nanoparticelle inganna il sistema immunitario
    (Leggi)


La biopsia liquida per il cancro testa-collo Hpv correlato

  • La biopsia liquida per il cancro testa-collo Hpv correlato Potrebbe diventare il nuovo esame standard
    (Leggi)


Neuroblastoma, niente biopsia grazie a un modello predittivo

  • Neuroblastoma, niente biopsia grazie a un modello predittivo Possibile evitare l’esame invasivo nei bambini colpiti
    (Leggi)


Craniofaringioma, l’importanza del sonno

  • Craniofaringioma, l’importanza del sonno Disegnare un approccio completo per i disturbi del sonno nei pazienti
    (Leggi)


Bambini a rischio cancro per gli ftalati

  • Bambini a rischio cancro per gli ftalati L’esposizione aumenta del 20 per cento il rischio
    (Leggi)


Mesotelioma, dubbi sull’efficacia delle terapie

  • Mesotelioma, dubbi sull’efficacia delle terapie I trattamenti non migliorerebbero la sopravvivenza
    (Leggi)


Keywords |

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it

Italia Salute sempre con te

Abbonati ai Feed Rss Aggiungi a IGoogle Aggiornamenti 
              sulla salute, sulla medicina, promozioni La Pubblicità su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante