(2° pagina) (Torna alla 1° pagina..) team, fatto di persone appassionate ed entusiaste. Questa nuova retina artificiale dovrebbe assicurarci risultati migliori rispetto alle precedenti, essendo dotata di più di 400 elettrodi, molti più dell’Argus che ne possedeva 60. L’idea di restituire anche solo una parvenza di vista a persone che vivono da anni al buio, è il sogno di qualunque medico. Il paziente operato vede già la luce e questo è davvero incredibile. La retina artificiale per ora è indicata solo per pazienti affetti da retinite pigmentosa (patologia che colpisce circa 150 mila italiani) negli stadi più avanzati di malattia, cioè persone che hanno perso completamente la vista da entrambi gli occhi, una condizione che interessa circa 1.000-1.500 italiani. I criteri di selezione per entrare in questo trial sperimentale sono per ora molto severi e restrittivi”.
La nuova retina artificiale (NR600) è stata messa a punto dalla start up Nano Retina, che ha il suo quartier generale a Herzliya, la ‘Silicon Valley’ israeliana, nei pressi di Tel Aviv. Quello effettuato al Gemelli è il sesto impianto (il primo in Italia) nell’uomo del nuovo device, dopo quelli effettuati lo scorso anno in Israele e in Belgio (i pazienti operati finora hanno un’età dai 59 agli 81 anni). In Europa viene sperimentato all’interno di uno studio clinico multicentrico, che coinvolgerà una ventina di pazienti, mirato a ottenere l’approvazione CE di questa innovativa protesi retinica.
Questo gioiello high-tech è frutto di oltre un decennio di ricerche. L’impianto, grande come la punta di una matita (5 mm di diametro x 1 mm di spessore), viene posizionato da un super esperto in chirurgia retinica sopra la superficie della retina e gli elettrodi tridimensionali dei quali è composto, penetrano tra le cellule retiniche, andando a prendere il posto dei fotorecettori (le cellule specializzate che permettono di ‘vedere’) e attivando con i loro impulsi le cellule ganglionari, che trasmettono l’informazione al cervello, facendola viaggiare lungo le vie ottiche.
Per attivare i micro-elettrodi 3D, il paziente deve indossare degli speciali occhiali che inviano al device un raggio infrarosso, che provvede ad alimentarlo, attraverso di un minuscolo impianto fotovoltaico (due cellule fotovoltaiche) di cui è dotato. Il software e l’hardware contenuto negli occhiali inoltre controllano e modulano (come attraverso un alfabeto Morse) gli stimoli luminosi che arrivano agli elettrodi, traducendoli in impulsi elettrici che poi veicoleranno, percorrendo le vie ottiche, l’informazione al cervello.
“Nell’ultima fase della retinite pigmentosa – spiega il professor Stanislao Rizzo - i fotorecettori (coni e bastoncelli) sono completamente distrutti; ma alcune cellule, come le cellule ganglionari della retina, sopravvivono. Sono cellule importanti perché trasmettono le informazioni dai fotorecettori al cervello. Gli elettrodi 3D sostituiscono i fotorecettori, le cellule specializzate che costituiscono la prima parte delle vie ottiche e trasmettono l’informazione alle cellule ganglionari”.
L’impianto di questo device ripristina una parta della funzionalità retinica, ma non restituisce la vista. Il paziente può tornare a ‘vedere’ la luce immediatamente dopo l’impianto ma in genere il programma di riabilitazione viene avviato dopo un paio di settimane dall’intervento. Questo prevede una serie di esercizi da somministrare al paziente che reimpara a vedere attraverso questa sorta di occhio bionico; viene inoltre effettuato il fine-tuning della stimolazione degli elettrodi per ottenere una visione migliore possibile. Al termine di questo speciale training il paziente riuscirà a distinguere la forma degli oggetti, riconoscere il movimento, imparerà ad interpretare queste nuove immagini, che lui vede in bianco e nero e pixelate; grazie alla plasticità neuronale infine il cervello imparerà pian piano a distinguere e a riconoscere questi oggetti. Questo garantisce al paziente una miglior interazione sociale e gli restituisce una certa autonomia nelle attività della vita quotidiana.
“Per questo tipo di impianti – spiega il professor Rizzo – è fondamentale un’accurata selezione del paziente candidato, che viene inquadrato attraverso una serie di colloqui psicologici; questo serve a valutare sia le sue potenzialità di proseguire lungo un percorso riabilitativo che lo impegnerà a lungo, sia le sue aspettative. Perché questo impianto non va a restituire una visione normale ma una visione artificiale, ‘bionica’. Il paziente deve essere preparato al fatto che quello che vedrà è una ricostruzione attraverso dei ‘fosfeni’, dei lampi di luce, che vanno a comporre un’immagine pixelata. La visione d’insieme viene ottenuta dal lavoro dei 576 elettrodi presenti nel device, i cui parametri vanno tutti configurati con tanta pazienza, attraverso una speciale applicazione”.

Leggi altre informazioni
27/10/2021 Andrea Sperelli


Puoi fare una domanda agli specialisti del forum e iscriverti alla newsletter, riceverai le notizie più importanti.

Notizie correlate

Perché è importante utilizzare gli occhiali da sole

Le infezioni della cornea non rispondono agli antibiotici

  • Le infezioni della cornea non rispondono agli antibiotici Nel 90 per cento dei casi i batteri sono resistenti
    (Leggi)


Occhio secco molto comune in gravidanza e menopausa

  • Occhio secco molto comune in gravidanza e menopausa Ambiente, lenti a contatto e ansiolitici tra i fattori di rischio
    (Leggi)


Fumo, a rischio anche gli occhi

  • Fumo, a rischio anche gli occhi Anche il fumo elettronico può favorire la degenerazione maculare
    (Leggi)


Nuova terapia per la retinite pigmentosa legata all’X

  • Nuova terapia per la retinite pigmentosa legata all’X Botaretigene sparoparvovec mostra risultati incoraggianti
    (Leggi)


La salute degli occhi passa anche dall’acqua

  • La salute degli occhi passa anche dall’acqua Una corretta idratazione migliora la vista
    (Leggi)


La terapia genica ridà la vista a due bambini

  • La terapia genica ridà la vista a due bambini Erano affetti da distrofia retinica ereditaria
    (Leggi)


Retina artificiale, primo impianto per maculopatia

  • Retina artificiale, primo impianto per maculopatia Eseguito al San Giovanni Addolorata di Roma
    (Leggi)


Le staminali per la degenerazione maculare

  • Le staminali per la degenerazione maculare Primo trapianto di retina sviluppata dalle cellule staminali
    (Leggi)


Antiossidanti per la degenerazione maculare

  • Antiossidanti per la degenerazione maculare Luteina e zeaxantina riducono di un quarto il rischio
    (Leggi)


Niente lenti a contatto al mare o in piscina

  • Niente lenti a contatto al mare o in piscina Il rischio è un’infezione potenzialmente grave
    (Leggi)


Occhio ai raggi UV

  • Occhio ai raggi UV Le radiazioni ultraviolette non fanno male solo alla pelle
    (Leggi)


La retina liquida

  • La retina liquida Consentirà di superare anche le retiniti pigmentose più gravi
    (Leggi)


La fotobiomodulazione per la degenerazione maculare

  • La fotobiomodulazione per la degenerazione maculare Studio dimostra il miglioramento della vista grazie al trattamento
    (Leggi)


Un’iniezione per curare la cornea

Cos’è il daltonismo

  • Cos’è il daltonismo Disturbo che colpisce quasi sempre gli uomini
    (Leggi)


Gli alimenti che fermano l’invecchiamento degli occhi

  • Gli alimenti che fermano l’invecchiamento degli occhi Alcuni alimenti proteggono da cataratta e degenerazione maculare senile
    (Leggi)


Il Viagra compromette la vista

  • Il Viagra compromette la vista Anche altri farmaci per l’impotenza associati a improvvise perdite della vista
    (Leggi)


Come risolvere i tic all’occhio

Keywords |

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it

Italia Salute sempre con te

Abbonati ai Feed Rss Aggiungi a IGoogle Aggiornamenti 
              sulla salute, sulla medicina, promozioni La Pubblicità su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante