(2° pagina) (Torna alla 1° pagina..) da eseguire su una dieta di eliminazione a base di IgG", ha evidenziato Chey.
Sono stati analizzati gli alimenti più comunemente associati alla sindrome dell’intestino irritabile, ovvero latte, mais, uova, avena, cipolla, noci, grano e pollo. I ricercatori guidati dal dott. Anthony Lembo, gastroenterologo al Beth Israel Deaconess Medical Center e professore di medicina alla Harvard Medical School di Boston, hanno esaminato 223 adulti con IBS. Dopo un basale di 2 settimane, sono stati valutati coloro che sono risultati positivi per una o più allergie alimentari e che avevano un punteggio di intensità del dolore addominale IBS medio giornaliero da 3 a 7,5 (su una scala da 1 a 10).
I volontari sono stati assegnati casualmente a una dieta vera o a una dieta fittizia per 8 settimane. Ai primi è stato chiesto di eliminare gli alimenti a cui erano risultati allergici, mentre i secondi hanno eliminato alimenti ai quali erano risultati negativi.
Ogni giorno, i soggetti hanno riportato abitudini intestinali, gonfiore e punteggi di intensità del dolore addominale. Hanno anche completato le valutazioni settimanali utilizzando gli strumenti IBS Adeguate Relief, Subject's Global Assessment of Relief (SGA) e Global Improvement Scale (GIS).
Rispetto al basale, il gruppo di trattamento ha mostrato un calo maggiore dell'intensità del dolore addominale (IBS-API) e dei punteggi di gonfiore rispetto al gruppo fittizio, secondo un'analisi intent-to-treat a 8 settimane. Questi cambiamenti non hanno raggiunto la significatività statistica.
Tuttavia, i partecipanti al gruppo di trattamento hanno sperimentato miglioramenti significativi sull’ SGA (p<0.001) e sul GIS (p<0.001). Un sottogruppo di pazienti, 149 persone con diarrea non IBS, ha mostrato la maggiore diminuzione dei sintomi rispetto al basale sulle misure IBS-API (p=0,014) e IBS-Bloating (p=0,021). Hanno anche riportato i maggiori miglioramenti su GIS (p<0.001) e SGA (p<0.001).
“Lo studio offre prove credibili che questa dieta di eliminazione a base di IgG fornisce benefici per i sintomi complessivi in alcuni pazienti con IBS e questo beneficio sembra essere più robusto nei pazienti con IBS senza diarrea", ha detto Chey.
"Dobbiamo ripetere questo studio in una coorte più ampia di pazienti con IBS", ha detto Lembo. "Inoltre, l'impatto a lungo termine dell'eliminazione di alimenti specifici deve essere ulteriormente esplorato".
"Questo studio fornisce ulteriori prove del fatto che i pannelli alimentari IgG possono fornire un sollievo generale dei sintomi dell'IBS almeno in alcuni pazienti, ma con un effetto meno forte sul dolore addominale e sul gonfiore. È un po' inaspettato vedere un beneficio maggiore nei pazienti senza IBS-D, mi sarei aspettato un vantaggio maggiore in IBS-D ", ha aggiunto Chang.

Notizie specifiche su: alimenti, intestino, irritabile, 27/10/2022 Andrea Sperelli


Puoi fare una domanda agli specialisti del forum e iscriverti alla newsletter, riceverai le notizie più importanti.

Notizie correlate

Come preservare la salute dell'intestino

  • Come preservare la salute dell'intestino Strategie per assicurare la funzionalità del complesso ecosistema
    (Leggi)


Il trattamento migliore per il morbo di Crohn

  • Il trattamento migliore per il morbo di Crohn L’efficacia di infliximab più un immunomodulatore
    (Leggi)


Una dieta sana nell’infanzia per le malattie intestinali

  • Una dieta sana nell’infanzia per le malattie intestinali Mangiare più pesce e verdure protegge dalle malattie infiammatorie
    (Leggi)


L’immunoterapia può causare esofagite da reflusso

  • L’immunoterapia può causare esofagite da reflusso Revisione pone l’accento sul possibile effetto collaterale
    (Leggi)


Lo sport fa dimagrire il fegato

Una dieta per la malattia di Crohn

  • Una dieta per la malattia di Crohn Il regime alimentare può portare alla remissione
    (Leggi)


Che cos’è la disbiosi

  • Che cos’è la disbiosi Le caratteristiche dell’alterazione del microbiota intestinale
    (Leggi)


Linee guida sulla colite ulcerosa

  • Linee guida sulla colite ulcerosa Incentrate sulla gestione della tasca ileo-anale
    (Leggi)


Nuova cura per il morbo di Crohn

  • Nuova cura per il morbo di Crohn Studio dimostra l’efficacia di un nuovo anticorpo monoclonale
    (Leggi)


Quando il mal di pancia è da stress: i rimedi

  • Quando il mal di pancia è da stress: i rimedi Cause e soluzioni di un disturbo frequente
    (Leggi)


Se il microbiota diventa uno strumento terapeutico

  • Se il microbiota diventa uno strumento terapeutico La modulazione della flora batterica può avere efficacia terapeutica
    (Leggi)


Danni gastrointestinali con semaglutide

  • Danni gastrointestinali con semaglutide Possibile effetto negativo per gli agonisti del Glp-1
    (Leggi)


La gastroscopia senza tubo

  • La gastroscopia senza tubo Osservare lo stomaco grazie a una capsula robotizzata
    (Leggi)


Malattie Infiammatorie Intestinali: viaggiare si può

  • Malattie Infiammatorie Intestinali: viaggiare si può Rispettando alcune accortezze è possibile secondo i gastroenterologi AIGO
    (Leggi)


Quando il reflusso va in vacanza

Il mal di pancia da stress

  • Il mal di pancia da stress Lo stress alimenta l’infiammazione intestinale
    (Leggi)


Malattie intestinali, ecco come funziona guselkumab

  • Malattie intestinali, ecco come funziona guselkumab Il meccanismo è diverso rispetto a risankizumab
    (Leggi)


10 dubbi sulla salute digestiva

  • 10 dubbi sulla salute digestiva Le domande sui disturbi più comuni che riguardano stomaco e intestino
    (Leggi)


Nuovo farmaco per la colestasi intraepatica familiare