(2° pagina) (Torna alla 1° pagina..) con il foto-invecchiamento della pelle che presenta precancerosi, cheratosi attiniche, carcinomi baso-spino cellulari e melanoma.
Considerando che l’entità del danno è determinata da due fattori principali, l’intensità del sole e il fototipo, per proteggersi dai raggi solari è quindi essenziale evitare l’esposizione nelle ore centrali della giornata (11-15) e utilizzare creme, da applicare ogni due ore, con indice di protezione che varia a seconda del proprio tipo di pelle.
Nonostante dal recente studio “La prevenzione dei tumori cutanei: il modello LILT” - diretto dal dott. Abeni, epidemiologo dell’Istituto Dermopatico Immacolata di Roma, e dal dott. Cristofolini, dermatologo di Trento - sia emerso che la maggior parte degli intervistati (77%) è a conoscenza degli effetti dannosi del sole, solo il 30% sa che per proteggersi dai raggi solari non sono sufficienti le creme, ma nelle ore in cui il sole è più alto lo schermo migliore lo offrono indumenti e accessori come magliette, cappelli e occhiali. Un’accortezza che si rivela fondamentale per evitare ustioni e insolazioni soprattutto nei bambini, dato che una delle cause più frequenti di melanoma sono le scottature subite durante l’infanzia.
La letteratura scientifica indica inoltre che il notevole aumento nell’incidenza di tumori cutanei e di melanoma è da ricondurre alla pratica voluttuaria dell’abbronzatura artificiale, con un rischio più alto del 75% per chi inizia a utilizzare i lettini abbronzanti prima dei 25 anni.
Di qui la necessità di educare i più giovani, visto che dalla ricerca è risultato che oltre il 2,2% dei circa 5000 soggetti intervistati ha praticato l’abbronzatura artificiale prima dei 15 anni (il 22% sopra i 15 anni), nonostante sia proibita ai soggetti di età inferiore 18 anni.
In questo contesto il presidente della LILT Francesco Schittulli ricorda l’importanza della prevenzione primaria «Per tenere lontano il cancro, il sole va sempre preso con moderazione e la giusta protezione. Un comportamento che va di pari passo con una sana alimentazione, l’astensione dal fumo e una regolare attività fisica. Anche la diagnosi precoce in questi casi è fondamentale: tutti dovrebbero controllare con regolarità la propria pelle e i nei, sottoponendosi anche a visite periodiche di controllo dal proprio dermatologo, specialmente se si è soggetti particolarmente a rischio».
Oltre la metà dei melanomi viene individuata attraverso l’autocontrollo, che dovrebbe essere mensile.
Riguardo ai segnali di allarme del melanoma rimane sempre valida ed efficace la famosa sigla ABCDE, riferita all’analisi visiva dei nevi - A (Asimmetria), B (bordi irregolari), C (colore policromo), D (dimensione maggiore 6 mm), E (evoluzione – modificazioni), ma anche i famigliari o il partner, oltre agli specialisti (dermatologo, medico generale e medico estetico), possono aiutare ad individuare anomalie sul derma, così come il parrucchiere, in quanto è una delle poche figure che analizza il cuoio capelluto, sede a volte di neoplasie altrimenti non individuabili.



Notizie specifiche su: abbronzatura, sole, pelle, 28/06/2022 Andrea Sperelli


Puoi fare una domanda agli specialisti del forum e iscriverti alla newsletter, riceverai le notizie più importanti.

Notizie correlate

Melanoma uveale, efficace tebentafusp

La prima terapia cellulare contro il melanoma

  • La prima terapia cellulare contro il melanoma Trattamento a base di linfociti T ricavati dalla biopsia del tumore
    (Leggi)


Melanoma, i cibi natalizi che fanno bene

  • Melanoma, i cibi natalizi che fanno bene Lenticchie e frutta secca migliorano la risposta all’immunoterapia
    (Leggi)


Melanoma, come si formano le metastasi

L'Intelligenza Artificiale diagnostica i tumori della pelle

  • L'Intelligenza Artificiale diagnostica i tumori della pelle Tasso di individuazione del melanoma pari al 100 per cento
    (Leggi)


Melanoma, il Dna è fondamentale

  • Melanoma, il Dna è fondamentale Importante la prevenzione e i test genetici per mutazioni
    (Leggi)


Melanoma, terapia a base di Rna funziona sui topi

  • Melanoma, terapia a base di Rna funziona sui topi La tecnologia del vaccino anti-Covid rivela le sue potenzialità
    (Leggi)


Melanoma, l’alimentazione che aiuta

  • Melanoma, l’alimentazione che aiuta La prevenzione passa anche dal regime alimentare seguito
    (Leggi)


Vitamina D importante per i pazienti con cancro della pelle

  • Vitamina D importante per i pazienti con cancro della pelle Livelli adeguati della sostanza aiutano la terapia
    (Leggi)


Nuova molecola blocca la crescita delle cellule tumorali

  • Nuova molecola blocca la crescita delle cellule tumorali Interviene sui meccanismi di riciclo delle proteine
    (Leggi)


Melanoma, terapia in base alla grandezza delle cellule

  • Melanoma, terapia in base alla grandezza delle cellule Crescono così le possibilità di cura per ogni paziente
    (Leggi)


La proteina che rende aggressivo il melanoma

  • La proteina che rende aggressivo il melanoma Spinge le cellule tumorali a cambiare la forma del nucleo
    (Leggi)


Melanoma, come superare la resistenza alle terapie

  • Melanoma, come superare la resistenza alle terapie Nuove opportunità di cura grazie a microRna
    (Leggi)


Melanoma, pembrolizumab migliora la qualità di vita

  • Melanoma, pembrolizumab migliora la qualità di vita Il farmaco adiuvante allontana la ricomparsa della malattia
    (Leggi)


Melanoma, rischio di morte basso per alcuni

  • Melanoma, rischio di morte basso per alcuni La maggior parte dei pazienti ha ottime probabilità di salvarsi
    (Leggi)


Melanoma, scoperto nuovo meccanismo di resistenza

  • Melanoma, scoperto nuovo meccanismo di resistenza Una proteina facilita la resistenza ai farmaci
    (Leggi)


Melanoma, come fermare le metastasi

  • Melanoma, come fermare le metastasi Ricercatori fanno luce sul meccanismo alla base del processo
    (Leggi)


Nuova combinazione contro il melanoma

  • Nuova combinazione contro il melanoma Nivolumab e relatlimab per il trattamento di prima linea
    (Leggi)


Melanoma, immunoterapia in prima linea più efficace

  • Melanoma, immunoterapia in prima linea più efficace Più di un paziente su due libero da malattia se trattato subito
    (Leggi)