Dopo l'intervento meno complicanze mobilizzando il paziente

L'uso di accelerometri riduce le complicanze

L'idea di mobilizzare il paziente dopo un'operazione importante è valida. Lo dimostra uno studio pubblicato su Jama Surgery da un team della Cleveland Clinic che ha proposto l'uso di accelerometri indossabili per ridurre le complicanze post-operatorie e la durata della degenza ospedaliera.
«La mobilizzazione dopo l'intervento chirurgico è una componente chiave dei percorsi ERAS (Enhanced Recovery After Surgery). Per approfondire l'argomento, abbiamo valutato, nei pazienti che hanno subito un intervento di chirurgia elettiva maggiore, l'associazione tra mobilizzazione e un esito composito di complicanze postoperatorie, la durata della degenza ospedaliera, i punteggi cumulativi del dolore e i tassi di riammissione a 30 giorni», afferma Alparslan Turan, primo nome dello studio.
Lo studio ha preso in esame 8.653 pazienti sottoposti a chirurgia elettiva della durata di almeno due ore ...  (Continua) leggi la 2° pagina

Notizie su: intervento, chirurgico, mobilizzazione,

Notizie correlate


Cancro, nuova tecnica per le lesioni polmonari Consente l'asportazione di noduli tumorali nelle prime fasi di sviluppo





L'ecografia per l'inserimento del catetere venoso centrale Riduce i casi di punture arteriose e pneumotorace





Le infezioni post-operatorie dipendono dalla pelle Responsabili sono i batteri che vivono sulla cute





I farmaci per il diabete complicano l'anestesia I GLP-1 RA sembrano aumentare il rischio di complicazioni





L'uomo col rene di maiale Trapiantato l'organo da un animale geneticamente modificato





Nuova tecnica per rimuovere i tumori cerebrali La chirurgia transulcale sperimentata anche in Italia





La prima protesi 3D riassorbibile Impiantato al Meyer il primo esemplare in Europa





Le soluzioni bilanciate aumentano la sopravvivenza Rischio di morte intraospedaliera ridotto secondo una metanalisi





Colesteatoma gigante, salvate due bambine Intervento per fermare la grave patologia infiammatoria





Nuova tecnica per la rimozione di una cisti al cervello Straordinario intervento su un ragazzo di 18 anni





Nuovo intervento di riduzione dello stomaco Consente la riduzione di un quinto del peso corporeo





Ricostruzione di trachea e arteria, la prima al mondo Intervento eccezionale al Sant'Andrea di Roma





Valvole cardiache, prima protesi senza incisione La chirurgia mininvasiva consente l'impianto di una nuova protesi mitralica





Una gravidanza in utero erniato Eccezionale intervento per salvare mamma e bambina





Dopo l'intervento meno complicanze mobilizzando il paziente L'uso di accelerometri riduce le complicanze





Un intervento per la mielite flaccida acuta Bambino di 2 anni può di nuovo camminare





L'efficacia dell'intubazione video-assistita Studio italiano mostra le capacitĂ  della tecnica





Una tecnologia innovativa per asportare un tumore gigante Fondamentale l'utilizzo del tavolo operatorio tridimensionale





Malformazione della vena di Galeno trattata in utero Intervento eseguito per la prima volta