Parkinson, speranze dalla fotobiomodulazione

La tecnica consente un miglioramento di tutti i sintomi

Lentezza dei movimenti, rigidità, tremore. Tanto basta dire perché si affacci nella mente l'ombra pesante del Parkinson, la malattia neurodegenerativa considerata tra le più impattanti sulla qualità della vita delle persone colpite e di chi le assiste.
Secondo i dati più recenti ne sono colpiti circa 8 milioni di persone nel mondo (in Italia oltre 250 mila), il 2% della popolazione con più di 65 anni e fino al 5% degli over 80, e secondo le previsioni il numero è destinato ad aumentare fino al doppio per via dell'invecchiamento della popolazione. Si parla, infatti, di 15 milioni di persone colpite entro il 2050.
Ha un'evoluzione lenta ma progressiva che trasforma le persone, giorno dopo giorno, stravolgendo equilibri e abitudini di intere famiglie.
A partire dalla degenerazione delle cellule nervose, può coinvolgere diversi aspetti della funzionalità: cognitiva e motoria ...  (Continua) leggi la 2° pagina

Notizie su: Parkinson, fotobiomodulazione, sintomi,

Notizie correlate


L'esame del sangue che scopre il Parkinson Passo in avanti per la diagnosi precoce della malattia





Le malattie intestinali possono annunciare il Parkinson Stitichezza e intestino irritabile tra i segnali precoci della malattia





Lo sport riduce i sintomi del Parkinson Alcune attività si rivelano particolarmente adatte





Uno smartwatch per il Parkinson I dati sul movimento e sul sonno possono aiutare gli specialisti





Parkinson, scoperta sulla rigidità muscolare L'origine e la natura di questo sintomo debilitante





La natura aiuta in caso di Parkinson I pazienti hanno un rischio inferiore di ospedalizzazione





Parkinson, rischi dal tricloroetilene Alcune sostanze aumentano il rischio di insorgenza della patologia





Un cervello in provetta per diagnosticare il Parkinson L’obiettivo è accelerare i tempi della diagnosi





Gli ultrasuoni contro i tremori del Parkinson I vantaggi dell’ultrasonografia focalizzata





Antidiabetici per il Parkinson Progressione della malattia più lenta in chi li assume





Capire il Parkinson dalla voce Nuovo approccio per accelerare la diagnosi





Parkinson, scoperte nuove mutazioni genetiche Causano la malattia nel 5% dei pazienti





Dal sonno la diagnosi del Parkinson Parte un progetto italiano basato sull'utilizzo di organoidi





Parkinson, pericolose le variazioni di peso Aumentano il rischio di sviluppare alterazioni cognitive





Diagnosi di Parkinson più facile con l'iperosmia Il caso di una donna che “sente” la presenza della malattia





Nuova diagnosi precoce per il Parkinson Grazie a un sistema di video analisi





Un esame del sangue per il Parkinson Diagnosi più rapida ed economica





Parkinson, il primo sintomo è un sonno agitato Segnale importante insieme a depressione e disturbi dell'olfatto





Parkinson, la mutazione del gene GBA Aumenta il rischio della malattia soprattutto fra i giovani