Vaccino da rotavirus, pochi i rischi in terapia intensiva

Studio americano ha valutato il rischio di trasmissione del virus

Effettuata di norma tra la sesta e la dodicesima settimana di vita di un neonato, la vaccinazione pediatrica contro il rotavirus non comporta rischi significativi se somministrata all'interno di un'unità di terapia intensiva neonatale (Utin).
Parola degli specialisti del Children's Hospital di Philadelphia e del Centro per la prevenzione e il controllo delle malattie (Cdc) statunitense, che hanno valutato il rischio di trasmissione del virus (il vaccino è prodotto con una forma viva attenuata dell'agente responsabile dell'infezione) tra neonati immunizzati e altri che non lo erano ancora.
L'eventualità è risultata quasi prossima allo zero, stando ai risultati presentati nel corso del meeting annuale delle Società scientifiche di pediatria, appena conclusosi a Toronto.
Molto rara la trasmissione del rotavirus nelle terapie intensive neonatali
I ricercatori hanno analizzato oltre ...  (Continua) leggi la 2° pagina

Notizie su: rotavirus, vaccino, terapia,

Notizie correlate


La febbre Oropouche è in Italia Rilevati due casi in Lombardia





Altri virus proteggono i bambini da Covid-19 Il loro sistema immunitario è più pronto a reagire





Virus a RNA, il calcio li alimenta Identificato un meccanismo molecolare che può inibirne la propagazione





I polifenoli che innescano la risposta immunitaria Una formulazione nutraceutica mostra una consistente attività antimicrobica





Arriva l'estate, come difendersi dalle zanzare Qualche accortezza e soluzioni all'avanguardia per un'estate serena





Nuovo ceppo aggressivo del vaiolo delle scimmie La nuova versione sta causando un aumento dei contagi





Il Long Covid raddoppia il rischio di ricovero Quasi 5.000 morti a causa delle sequele dell'infezione





La ferroptosi dietro i casi gravi di Covid Possibili nuovi target terapeutici grazie alla scoperta





Covid, la nuova variante KP.2 Non risponde ai vaccini come le precedenti





Vaccino da rotavirus, pochi i rischi in terapia intensiva Studio americano ha valutato il rischio di trasmissione del virus





Le ragioni dietro all'epidemia di streptococco La recrudescenza degli ultimi anni sembra legata a un debito immunologico





Covid, come cambia la risposta ai vaccini Ogni soggetto risponde in maniera più o meno efficace





Covid, il problema dell'olfatto Molti pazienti sperimentano una persistente disfunzione olfattiva





Gonorrea, alla ricerca di nuovi anticorpi monoclonali Un modello inedito che combina microscopia confocale e IA





Primo caso di virus B trasmesso dalle scimmie Uomo aggredito da un branco in un parco rimane infettato





Una cura più efficace per le infezioni urinarie complicate Cefepime-taniborbactam più efficace di meropenem





Long Covid, il virus può rimanere più di 1 anno Individuati frammenti del virus nel circolo sanguigno e nei tessuti





Long Covid, linee guida per il follow up Le azioni da intraprendere per contrastare l'onda lunga dell'infezione





Covid, meglio i vaccini monovalenti Mostrano maggiore adattabilità alle nuove mutazioni