I segni della demenza presenti anni prima della diagnosi

I primi segnali di compromissione cerebrali emergono già 9 anni prima

Una scoperta inquietante ma anche promettente per le terapie future in caso di demenza. Uno studio pubblicato su Alzheimer's & Dementia sottolinea infatti la possibilità di individuare i primi segni di compromissione cerebrale già 9 anni prima della diagnosi.
«Attualmente ci sono pochissimi trattamenti efficaci per la demenza o altre malattie neurodegenerative come il morbo di Parkinson. In parte, ciò è dovuto al fatto che queste patologie vengono spesso diagnosticate solo quando compaiono i sintomi, mentre la neurodegenerazione sottostante potrebbe essere iniziata anni, anche decenni, prima», spiega Nol Swaddiwudhipong della Cambridge University, che ha diretto il gruppo di lavoro.
I ricercatori inglesi si sono serviti dei dati della UK Biobank, che ha raccolto informazioni sulla salute e sulla diagnosi delle malattie dei partecipanti, oltre a fornire dati riguardanti una serie di ...  (Continua) leggi la 2° pagina

Notizie su: demenza, sintomi, diagnosi,

Notizie correlate


L'uomo che ha resistito all'Alzheimer Il suo Dna ha rallentato lo sviluppo della malattia





Nuovo farmaco per l'Alzheimer Parere positivo della Fda su donanemab





Un test per prevedere la demenza Può preannunciare la malattia con 9 anni di anticipo





Portatori sani di Alzheimer Alcuni soggetti sono malati ma non mostrano sintomi





Alzheimer, farmaci per l'Hiv potrebbero funzionare Gli effetti degli inibitori della trascrittasi inversa





Il gene che cancella l'Alzheimer Riduce del 70 per cento il rischio di insorgenza della malattia





Alzheimer, il Viagra sembra ridurne il rischio Effetto positivo del farmaco per la disfunzione erettile





Alzheimer, prime linee guida europee Puntano ad abbreviare i tempi della diagnosi





Alzheimer, chi assume Viagra rischia di meno I farmaci contro la disfunzione erettile riducono il rischio





Problemi alla vista possono annunciare l'Alzheimer Legati a una variante poco nota della malattia





Alzheimer, una proteina protegge le donne La sua attivazione scongiura le malattie neurodegenerative





Alzheimer, nuova strategia per ridurre i sintomi L'intervento farmacologico riduce il successivo declino cognitivo





L'ormone della crescita favorisce l'Alzheimer Disturbi cognitivi più frequenti nelle persone che l'hanno assunto





Nuovo test del sangue per l'Alzheimer Tris di biomarcatori rivela i tratti distintivi della malattia





Gli ultrasuoni focalizzati per l'Alzheimer Sembrano migliorare l'effetto di aducanumab





L'Helicobacter pylori aumenta il rischio di Alzheimer La sua eradicazione potrebbe ridurre l'impatto della malattia





Vivere il Natale con la demenza Consigli pratici per i caregiver





Alzheimer, interventi personalizzati negli anziani Possono migliorare le capacità cognitive





La terapia della luce per l'Alzheimer Migliora il sonno e i sintomi comportamentali