(2° pagina) (Torna alla 1° pagina..) Conferenza Europea sulla Nutrizione organizzata dalla Federation of European Nutrition Societies (FENS) a Dublino.
Durante il simposio, il professor Giuseppe Grosso dell’Università di Catania ha illustrato le proprie ricerche scientifiche sull'associazione tra consumo di caffè e sindrome metabolica in due coorti di soggetti polacchi e italiani. Le sue ricerche suggeriscono che i polifenoli contenuti nel caffè (in particolare gli acidi fenolici) possano essere coinvolti in un’associazione inversa con lo sviluppo della patologia. Ha anche discusso ricerche che suggeriscono che un consumo moderato di caffè sia associato ad una riduzione di mortalità per tutte le cause, patologie cardiovascolari e cancro, così come una riduzione del rischio di ipertensione e diabete di tipo 2.
A questo proposito, il professor Grosso sottolinea: “Ci sono molteplici evidenze che suggeriscono la possibilità di numerosi benefici sulla salute associati a un consumo moderato di caffè. Comunque, ulteriori studi andrebbero condotti per personalizzare al meglio il consumo ideale di caffè (i “metabolizzatori lenti” della caffeina godono in minor misura di tali benefici) e i reali effetti dei vari tipi di caffè (gran parte delle ricerche sono condotte sul caffè “tradizionale”, non sull’espresso o da moka, che sono quelli più comunemente consumati in Italia)”.
Inoltre, la professoressa Estefania Toledo dell’Università di Navarra ha presentato ulteriori evidenze da studi condotti su una popolazione spagnola che mostrano l’associazione tra il consumo di caffè e la sindrome metabolica. La sua ricerca sulla coorte SUN (Università Seguimiento di Navarra) ha coinvolto 22.000 persone e ha preso in considerazione, in particolare, il caffè con caffeina e decaffeinato. Lo studio ha concluso che, per entrambi i tipi di caffè, un consumo moderato (1-4 tazze al giorno) è associato ad un rischio ridotto della patologia.
I principali risultati della ricerca presentati nel Report comprendono:

- Un consumo da 1 a 4 tazze di caffè al giorno è associato a un rischio ridotto di sindrome metabolica in studi osservazionali.
- La ricerca suggerisce che condizioni specifiche della patologia, quali diabete di tipo 2 e ipertensione, sono inversamente associate al consumo di caffè. L’associazione con l'obesità è meno chiara.
- L'associazione inversa tra consumo di caffè e sindrome metabolica è stata dimostrata sia negli uomini che nelle donne.
- Sono necessarie ulteriori ricerche per meglio comprendere i meccanismi coinvolti nell'associazione. Fino ad oggi, è stato considerato di rilievo il ruolo dei polifenoli e degli acidi idrossicinnamici.

Infine, un recentissimo documento congiunto di Ministero della Salute, società scientifiche e associazioni, redatto dall’Alleanza Italiana per le malattie cardio-cerebrovascolari, ha riportato come il caffè nel lungo termine sembrerebbe avere effetti protettivi, anche di tipo metabolico, come indicano - sia pur in modo controverso - diversi studi epidemiologici e clinici sul tema.
Leggi altre informazioni
16/12/2019 Andrea Sperelli

Condividi la notizia su Facebookcondividi su Facebook

Puoi fare una domanda agli specialisti del forum e iscriverti alla newsletter, riceverai ogni 15 giorni le notizie più importanti.

Keywords |

Forum Partecipa!

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it

Italia Salute sempre con te

Abbonati ai Feed Rss Aggiungi a IGoogle Aggiornamenti 
              sulla salute, sulla medicina, promozioni La Pubblicità su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante