(2° pagina) (Torna alla 1° pagina..) un gruppo eterogeneo di malattie caratterizzate da capelli corti e fragili, e carenza di zolfo, né in quelli affetti da sindrome di Cockayne, una malattia multisistemica caratterizzata da bassa statura, caratteristiche facciali, invecchiamento precoce, disfunzione neurologica progressiva, deficit cognitivo e fotosensibilità cutanea.
In uno studio guidato da alcuni ricercatori dell’Istituto di genetica molecolare “Luigi Luca Cavalli-Sforza” del Consiglio nazionale delle ricerche di Pavia (Cnr-Igm) e in collaborazione con centri di ricerca internazionali, hanno dimostrato che le cellule dei malati di tricotiodistrofia, a differenza di quelli con xeroderma pigmentoso, non producono l’enzima PTGIS in grado di sintetizzare la prostaglandina I2 (PGI2), un potente vasodilatatore e inibitore dell’aggregazione piastrinica potenzialmente coinvolto anche nella progressione tumorale.
“L’assenza di PGI2 nel derma della cute dei pazienti affetti da tricotiodistrofia interferisce con l’insorgenza e lo sviluppo dei tumori cutanei, nonostante l’accumulo continuo di danni al DNA. Oltre a definire PTGIS un bio-marcatore utile alla diagnosi della tricotiodistrofia, i dati ottenuti in questo studio aprono nuove prospettive terapeutiche nella carcinogenesi cutanea”, afferma Donata Orioli, ricercatrice del Cnr-Igm e coordinatrice della ricerca. I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista PNAS.
Lo stesso gruppo di ricercatori del Cnr-Igm, in collaborazione con l’Università di Siena, ha inoltre scoperto che le proteine del NER responsabili della sindrome di Cockayne si associano alla proteina FECH, la cui alterazione causa la protoporfiria eritropoietica (EPP), una patologia caratterizzata da estrema e dolorosa sensibilità alla luce solare. “Questo studio stabilisce un collegamento tra processi biochimici fino a oggi considerati distinti e dimostra che le cellule dei pazienti affetti da protoporfiria eritropoietica, analogamente a quelli colpiti dalla sindrome di Cockayne, presentano alterazioni nell’espressione dei geni che codificano per l’RNA ribosomiale. Questi risultati aprono a nuove interpretazioni sui meccanismi molecolari responsabili della fotosensibilità cutanea”, conclude Orioli. I dati emersi da questo secondo studio sono stati pubblicati sulla rivista Nucleic Acids Research.
03/11/2021 Andrea Sperelli


Puoi fare una domanda agli specialisti del forum e iscriverti alla newsletter, riceverai le notizie più importanti.

Notizie correlate

Melanoma, scoperto nuovo meccanismo di resistenza

  • Melanoma, scoperto nuovo meccanismo di resistenza Una proteina facilita la resistenza ai farmaci
    (Leggi)


Melanoma, come fermare le metastasi

  • Melanoma, come fermare le metastasi Ricercatori fanno luce sul meccanismo alla base del processo
    (Leggi)


Nuova combinazione contro il melanoma

  • Nuova combinazione contro il melanoma Nivolumab e relatlimab per il trattamento di prima linea
    (Leggi)


Melanoma, immunoterapia in prima linea più efficace

  • Melanoma, immunoterapia in prima linea più efficace Più di un paziente su due libero da malattia se trattato subito
    (Leggi)


I consigli contro i tumori cutanei e i melanomi

  • I consigli contro i tumori cutanei e i melanomi I suggerimenti degli esperti per godersi il sole senza rischiare
    (Leggi)


Un’app per proteggersi dal sole

  • Un’app per proteggersi dal sole Dall’Oms informazioni sui livelli di radiazione ultravioletta
    (Leggi)


Melanoma, difficile scoprirlo quando colpisce testa o collo

  • Melanoma, difficile scoprirlo quando colpisce testa o collo Prognosi spesso negativa quando si trova nel cuoio capelluto
    (Leggi)


Melanoma, il gene che ne aumenta il rischio

  • Melanoma, il gene che ne aumenta il rischio Identificato nuovo gene di suscettibilità alla malattia
    (Leggi)


Melanoma, la sopravvivenza sale di 5 anni

  • Melanoma, la sopravvivenza sale di 5 anni Effetto dei nuovi farmaci per la terapia mirata
    (Leggi)


Tumori della pelle, nuova luce sui processi molecolari

  • Tumori della pelle, nuova luce sui processi molecolari Identificate alterazioni associate alla fotosensibilità
    (Leggi)


Melanoma, terapia a base di Rna funziona sui topi

  • Melanoma, terapia a base di Rna funziona sui topi La tecnologia del vaccino anti-Covid rivela le sue potenzialità
    (Leggi)


Melanoma, benefici dalla caffeina

  • Melanoma, benefici dalla caffeina La sostanza promuove un aumento della produzione di melanina
    (Leggi)


Melanoma, un enzima controlla la formazione delle metastasi

  • Melanoma, un enzima controlla la formazione delle metastasi Può servire per prevedere l’evoluzione del tumore
    (Leggi)


Gli erbicidi possono causare il melanoma

  • L’incidenza aumenta indipendentemente dal tipo di esposizione
    (Leggi)


Melanoma, la proteina che nasconde il tumore

  • BCL2 si serve del sistema immunitario per far crescere il cancro
    (Leggi)


Melanoma, nuova associazione per curarlo

  • Melanoma, nuova associazione per curarlo Encorafenib e binimetinib riducono i rischi di progressione della malattia
    (Leggi)


Melanoma, ruolo dei microRNA nella resistenza alla terapia

  • Melanoma, ruolo dei microRNA nella resistenza alla terapia Nuove opportunità diagnostiche e terapeutiche
    (Leggi)


Lettini solari vietati ai minorenni

Le creme solari non proteggono dai tumori

  • Meglio evitare l’esposizione nelle ore più calde della giornata
    (Leggi)


Keywords |

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it

Italia Salute sempre con te

Abbonati ai Feed Rss Aggiungi a IGoogle Aggiornamenti 
              sulla salute, sulla medicina, promozioni La Pubblicità su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante